fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

YCB

YCGames: un cavaliere insolito

today31 Gennaio 2024

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Hollow”- Pantera

In vena nostalgica, noi del YCB, al posto di trattare qualche improbabile uscita del 2025, abbiamo deciso di riesumare una piccola perla della videoludica indie: stiamo parlando di Hollow Knight.

Ambienti “vacui”

Ph. Credits @teamcherryunofficial Instagram Official Page
Ph. Credits @teamcherryunofficial Instagram Official Page

Tradotto dall’inglese, “Cavaliere Vacuo”, Hollow Knight è un gioco 2D uscito nel 2017. La storia comincia con un piccolo cavaliere: basso, cupo e armato di un aculeo. Non sappiamo niente riguardo la sua storia o da dove venga, l’unica cosa che possiamo fare è sconfiggere i nemici che ci si parano davanti, nell’attesa di qualche frammento  che ci faccia non solo capire in che luogo siamo, ma, soprattutto, chi siamo.

Più arte, meno realismo

Ph. Credits @teamcherryunofficial Instagram Official Page
Ph. Credits @teamcherryunofficial Instagram Official Page

Parlando invece del comparto tecnico, non vi aspettate assolutamente un gioco dalla grafica realistica – anche perché ce ne sono decisamente troppi –. Hollow Knight, è completamente disegnato a mano, dal nostro protagonista fino ai più piccoli dettagli. Design semplici che potrebbero sembrare insulsi e facili, ma nascondono una scelta molto accurata: per raccontare una storia non c’è bisogno che il tutto sia realistico, ma che tutto sia trasmesso: dai testi sparsi per il mondo di gioco ai dettagli, che talvolta trasmettono emozioni implicitamente.

Il resto vien da sé. Come al solito, per capire meglio l’esperienza vi consigliamo di giocarlo direttamente – è anche scontato, perciò, questa volta, non avete scuse! -.

Scritto da: Francesco Apruzzesi

Written by: Ro Vendittelli

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%