fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

YCB

Tu sei un mago!: Come aspirare le leggi fisiche

today21 Febbraio 2022

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Fairytale – Alexander Rybak”

C’era una volta, unə ragazzə che vive in un mondo di fenomeni misteriosi e bizzarri.

La Terra ha una forma ellittica ma rimaniamo in piedi. Esistono oggetti più veloci degli altri. 

Il suono è più forte quando siamo vicini alla sorgente. 

Il vento riesce a spostare una foglia ma non un camion.

Perché?

L’universo è strano e conserva molti segreti, questo è sicuro. Vi siete mai chiesti cosa c’è alla fine dell’universo? O se esiste una fine nell’universo?

Vi siete mai chiesti come nasce un buco nero? Ma, soprattutto, che cos’è un buco nero? È un’aspirapolvere

buco nero
Però bisogna dire che un buco nero è più bello di un aspirapolevere…

Secondo la Treccani è un corpo celeste avente un campo gravitazionale così intenso da non lasciare sfuggire né materia, né radiazione elettromagnetica. Per noi maghi della fisica, invece, è un’aspirapolvere.

Prendete la vostra aspirapolvere in casa e accendetela. Vedrete che riesce ad aspirare la polvere, gli oggetti piccoli, le briciole… a pulire casa. Ora immaginate che sia milioni di volte più grande. Un’aspirapolvere mastodontica. Essendo di dimensioni molto più grandi, avrà più forza per aspirare più oggetti e di dimensioni ancora più grandi. Se l’aspirapolvere avesse le stesse dimensioni della Terra, riuscirebbe ad aspirare satelliti, meteoriti, pianeti e altri corpi celesti. 

Dunque i buchi neri sono delle aspirapolveri. 

La fisica riesce a spiegare fenomeni misteriosi e paurosi che ci sono nel mondo. Apparentemente sembra così difficile, così complicata, così grande. Lo è. Ma nulla ti impedisce di immaginare queste migliaia di leggi fisiche a modo tuo. 

Usa l’immaginazione. Aggiungici qualche pizzico di magia

Se metti una pentola di acqua sul fuoco, dopo alcuni minuti inizierà a bollire. 

Magia! 

Questo perché ha raggiunto la sua temperatura di ebollizione. Ma nulla ti ferma di immaginare che sia stato tu a farlo bollire attraverso i tuoi poteri magici (aspettare che l’acqua raggiunga i 100°C). 

Tu sei un mago!

 

SCRITTO DA: MARICA, 4D

Written by: Ro Vendittelli

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%