fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

YCB

Ronzio: Sanremo suona Geolier

today17 Dicembre 2023

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Money” – Geolier

Come ogni anno, arriva quel periodo in cui il YCB inizia a bombardarvi di news sul momento più aspettato dopo il Natale: Sanremo. L’edizione del 2024 si presenta già con numerose chicche che siamo pronti a commentare, perché ci sarà da lavarsi le retine con l’amuchina.

Back to the future

Si sa che, tutti gli anni, i cantanti selezionati dall’uomo di Sanremoquest’anno ho deciso che bandirò il suo nome, tipo Colui che non deve essere nominato – vengono fuori da macchine frigorifere e stampanti 3d, resuscitando morti e provocando numerose reazioni alla “ma questo chi c*** è?”.

Ricchi e Poveri, i Negramaro, Loredana Bertè, tutti nomi che appartengono ad una lontananza storica paragonabile a quella degli Hittiti. Ma su tutti e ventisette i concorrenti, – presto 30 – c’è anche l’effetto inverso.

Sanremo
Ph. Credits: @Alessandro Vitrano su voicebookradio.com

Trapperini

Alcuni nomi sono totalmente campati per aria, perché non ci si aspetta di vederli lì. Nonostante Sanremo sia – e continui ad essere – un tentativo di unire due grandi gusti musicali, ovvero vecchio e nuovo grande semplificazione del tutto valida – ogni anno è sempre divertente analizzare questo mix, e la settantaquattresima edizione non fa eccezione. Mai, in tutta la mia vita, mi sarei aspettato di vedere tra i nomi del Festival della Canzone Italiana quello di Geolieraka Emanuele Palumbo -.

Sanremo
Ph. Credits: @neapolitanfreshmemes Instagram Official Page

 

E lo ripeto, perché tolti Gazzelle, Alfa, il Treche sono inattesi, ma fino ad un certo punto, vista l’onnipresente costante indie -, Geolier sarà il titolare di molte squadre al Fantasanremo poiché fusione, per rendere le idee più chiare, tra lo stile di Lazza e l’effetto di Rosa Chemical. Detto questo, lo sapete già: i concorrenti sono parecchi e questo è giusto un antipasto per un cammino che ci porterà ai primi di febbraio.

Written by: Alessandro Vitrano

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%