fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

YCB

Metalgain: Nuovi Artisti nella Rete

today28 Marzo 2024

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Daylight” – Disco Face

Scoprire nuova musica e nuovi artisti è diventato veramente semplice: basta entrare su un qualsiasi social e si trovano centinaia di piccole band o cantautori in proprio. Il problema di questo sistema è che non sempre le loro canzoni sono belle quanto sembrano e, nel mare di internet, è difficile trovare quello che ci piace davvero. Per questo ecco tre artisti che meritano davvero di essere più conosciuti

Naomi Jon

Direttamente da Youtube troviamo la cantante Naomi Jon. È una ragazza tedesca di 27 anni che ha iniziato la carriera da musicista grazie al suo profilo, che, con l’uscita di varie canzoni, ha raggiunto un pubblico molto più ampio in campo internazionale

Ph. Credits @NaomiJon on instagram
Ph. Credits @NaomiJon on instagram

Naomi scrive tutti i suoi testi e aiuta nell’arrangiamento musicale. Le sue canzoni sono incentrate sulla figura femminile soprattutto dal punto di vista dell’indipendenza: non sono pochi i testi dove afferma di conoscere il suo potenziale o di non avere bisogno di un uomo, o di un partner in generale. Il suo stile punta molto al pop, ma con vari tratti dark che rendono i brani molto interessanti e variabili all’orecchio. 

“Alcuni ragazzi pensano di essere speciali
Tanto speciali da potersi giustificare
No, non sono il diavolo
Ma te la farò pagare”
-Testo (tradotto) della canzone Taboo di Naomi Jon

Disco Face

L’artista meno conosciuto di questa lista è Disco Face: un autore di canzoni che ha appena iniziato la sua carriera in proprio tramite un profilo Instagram e Tik Tok. Il fatto che sia ancora poco seguito non lo ferma dall’essere attivo su molte piattaforme streaming -tra cui Spotify e SoundCloud- dove ha già pubblicato varie canzoni di qualità. 

I suoi testi trattano di temi legati alla sanità mentale e alla solitudine, con anche qualche accenno a delle infatuazioni sfuggenti, che riescono a portare della spensieratezza nella sua musica. Il suo genere varia molto tra l’elettronico con tracce di pop e grunge modernizzato -sicuramente un mix da provare-. Su di lui non si sa molto: sia l’identità sia la maggior parte delle informazioni personali sono nascoste al pubblico, ma questo non ci ferma dall’ascoltare i suoi piccoli capolavori con piacere. 

Belle Sisoski

Belle Sisoski è sicuramente una delle cantautrici più particolari che si possano trovare nel web e, di conseguenza, anche la più conosciuta di questa piccola lista. Il suo genere è molto difficile da descrivere in poche parole anche se lei c’è riuscita definendolo come “Ethnic Techno” -Techno Etnica in italiano-. Il perché di questo nome si capisce non appena si ascolta qualsiasi suo brano: per comporre l’artista usa strumenti tipici di varie etnie africane e native americane, uniti ad una Hard Techno quasi spietata

Ph. Credits @BelleSisoski on Instagram
Ph. Credits @BelleSisoski on Instagram

 

Sicuramente le sue canzoni non soddisferanno tutti i gusti, ma si deve assolutamente almeno provare ad ascoltare questo mix di sinfonie: anche il più grande degli scettici potrebbe ricredersi. La sua musica aiuta a ricordare che non esistono solo gli strumenti moderni -come la chitarra o il pianoforte-, ma che questo tipo di arte risale da anni ed anni di cultura che non devono essere dimenticati, ma modernizzati e presentati ad un nuovo pubblico. 

Aspetta e ascolta
Prendi un respiro profondo
Senti la tensione uscire dal tuo corpo
Inspira ed Espira
-Testo (tradotto) della canzone Hold On di Belle Sisoski

Trovare artisti di talento e qualità può diventare molto difficile e, a volte, persino stressante se non si sa dove cercare. Nonostante questo basta un po’ di dedizione e gusto per trovare piccole gemme nascoste dall’algoritmo per colpa dei pochi followers. 

Scritto da: Morgana Stefanutti

Written by: Ro Vendittelli

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%