fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

YCB

Origine bizzarra di alcune parole

today1 Maggio 2022

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Ti dedico il silenzio” – Ultimo

Le parole che usiamo sono proprio come noi: ognuna ha un’origine, un’evoluzione e una particolarità

Conoscere la storia di una parola può dirci molto sul suo passato, quindi su come veniva utilizzata all’inizio e com’è arrivata a significare un certo concetto oggi. 

Di conseguenza, sapere il significato esatto delle parole porta ad usarle in modo più appropriato. 

Perciò, ecco alcuni esempi di parole con un’etimologia particolare e interessante. Buona lettura!

Alfabeto, alla base di tutto

Questo termine, che tutti conosciamo, ha un’etimologia abbastanza intuibile, se si è a conoscenza del greco. 

Deriva, infatti, dalle prime due lettere dell’alfabeto greco, α (alfa) e β (beta). Da qui nacque la parola latina alphabetum, da cui alfabeto.

E fin qui nulla di particolarmente complicato. 

Sapete qual è la curiosità? È la lettera α, che deriva dalla parola aleph che nell’alfabeto fenicio rappresenta un colpo di glottide

Invece, la lettera A maiuscola deriva probabilmente da una scrittura egizia e rappresenta una testa di toro stilizzata ruotata di 180°. 

Lo so, la scoperta è alquanto scioccante, lo è stato anche per me.

La lettera β, invece, deriva sempre dalla lingua fenicia: beth significa casa. 

Pensate che le curve della B rappresentano proprio le volte delle abitazioni!

Come potete constatare voi stessi, c’è sempre una ragione a tutto. 

Tartaruga, incarnazione del male

Un animale che, in genere, ha una lunga vita, meno veloce di Usain Bolt ed è particolarmente amica di Achille… cos’ha fatto di così terribile?

Il nome di questo rettile proviene da “tartaros”, cioè tartaro e “eko”, ovvero abitante

In italiano si può tradurre come “abitante del Tartaro”. 

Nella mitologia greca, il Tartaro rappresentava l’abisso infernale e una figura primigenia capace di lasciare a bocca aperta in modo sia positivo che negativo. 

Per questo motivo, e per molto tempo, la tartaruga fu considerata come un animale ‘diabolico e, secondo alcuni, un’incarnazione di Satana. 

Forse una visione un po’ troppo macabra di un animale così carino e innocuo!

Eleganza, capacità acquisita

Ci torna in aiuto il nostro caro, vecchio latino. Qual è l’origine di questa qualità?

Verbo eligere, a sua volta composto di ex (tra) e ligere (scegliere)

Non è una dote naturale, perciò, ma un’abilità di scelta e di selezione, che può essere di abiti, di accessori, ma anche di atteggiamento e di portamento, ad esempio, che si sviluppa col tempo. 

Alcuni sinonimi potrebbero essere classe, buongusto e stile, che esprimono al meglio il significato di questo vocabolo. 

Una cosa che ho imparato dall’etimologia, è che, spesso, nulla è come sembra. Insomma, non avrei mai pensato che la tartaruga potesse essere ritenuta così malvagia!

Eppure, l’apparenza inganna, e l’origine delle parole ne è la prova, per questo stupisce.

 

SCRITTO DA: BENEDETTA 2G

Written by: Ro Vendittelli

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%