Sviluppato in Cina il rifugio per gatti che sfrutta l’intelligenza artificiale

Scritto da il 14 Febbraio 2019

L’azienda tecnologica Baidu, la “Google cinese”, ha sviluppato un rifugio per gatti che sfrutta l’intelligenza artificiale, che è in grado di riconoscere i teneri animali ed aprir loro la porticina attraverso la quale possono entrare, stando contemporaneamente attento a non far entrare cani o simili.

La videocamera potenziata dal’AI può riconoscere fino a 174 tipi di gatto, anche di notte: quando si avvicina alla porta, il sistema la apre per lasciarlo entrare o uscire. All’interno ci sono acqua, cibo e calore, con una temperatura mantenuta costante di 27 gradi.

Oltre a riconoscere l’animale, la videocamera sembra capace di verificare la presenza delle malattie più comuni che possono colpirlo, e di controllare il segno all’orecchio che indica la sterilizzazione.

Il rifugio è stato ideato per aiutare i gatti randagi a superare il freddo e la carenza di cibo invernale: in Cina, infatti, solo il 40% dei randagi sopravvive all’inverno.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Young

Premi PLAY per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista