fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

  • cover play_arrow

    MARCHIO DI FABBRICA 29/04/21 Giorgio

Musica

Space Oddity acoustic version

today31 Dicembre 2019

Background
share close

Durante la lettura si consiglia l’ascolto del brano: “Space Oddity – David Bowie”

Il 31 Dicembre 1979 David Bowie realizzava la versione acustica di Space Oddity per il Kenny Everett New Year’s Eve Show di ITV, su idea David Mallet, regista del programma.

Sebbene non fosse pensato per uscire come singolo, l’anno dopo venne pubblicato come lato B del brano Alabama song. Questa nuova versione, prodotta da Tony Visconti, a differenza della più conosciuta del 45 giri, si riduce a una versione minimale, comunque stupefacente.

Bowie racconta in un’intervista New Musical Express del 1980:

Ho acconsentito, purché potessi farla senza tutto l’arrangiamento ma solo con tre strumenti. Avendola suonata solo alla chitarra acustica sul palco in passato ero sempre stato sorpreso di quanto forte fosse come semplice canzone, senza tutti gli archi ed i sintetizzatori. In effetti l’aspetto video è secondario…

La produzione del 45 giri infatti era stata affidata a Gus Dudgeon che ne rese a pieno l’atmosfera spaziale con suoni sontuosi. A Tony Visconti non piaceva il brano per questo la affidò a Dungeon, ma ebbe con il tempo la possibilità di ricredersi.

Riflettendoci, nessuna delle altre canzoni è stata una hit. Mi sono preso a calci molte, molte volte da allora perché mi ero completamente sbagliato.

Racconta Tony in un’intervista.

Anche il video originale subì dei cambiamenti. La ITV il 31 dicembre mandò in onda un’altra versione del video di Space Oddity realizzata appositamente per lo show. Alcune immagini vennero usate per il video di Ashes to Ashes.

Written by: Federica Ferrazza

Rate it

Previous post

Scienza e Tecnologia

Un easter egg spaziale su Google Maps

Durante la lettura si consiglia l’ascolto del brano: “Starships - Nicki Minaj” Con la fine del 2019 si riaccende (o forse non si era mai spenta?) l’attenzione dei milioni di fan di Star Wars sparsi in tutto il mondo per la saga che ha appassionato e portato con la mente verso mondi inimmaginabili almeno due generazioni, grazie all’arrivo nelle sale del nuovo, attesissimo capitolo “L’ascesa di Skywalker”. Gli sviluppatori di […]

today31 Dicembre 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%