fbpx

Young

Premi PLAY per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Nero e Noce

09:00 11:00

Show attuale

Nero e Noce

09:00 11:00


SOS allergie alimentari: in arrivo il farmaco che riduce il rischio di shock anafilattico

Scritto da il 8 Marzo 2019

Le allergie sono uno dei disturbi più in crescita degli ultimi anni. Complice lo smog in netto aumento e l’inquinamento dell’aria in generale, sempre più persone ne sono affette. Sia che si tratti di intolleranze alimentari, sia che i fastidi derivino dai contatti con le piante, i sintomi avvertiti sono spesso molto disagevoli.
Ad essere esposti al rischio maggiore sono soprattutto i più piccoli. Proprio per loro è pensato un nuovo farmaco, in grado di tenere a bada l’asma allergica.

Questa nuova medicina sarebbe capace di innalzare una vera e propria barriera protettiva anche contro l’anafilassi, la forma più grave tra le allergie alimentari. La straordinaria scoperta è stata effettuata dai ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. I risultati derivati da queste ricerche sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of Allergy and Clinical Immunology: In Practice.

Le allergie alimentari, ormai diffusissime, colpiscono ben 5 bambini su 100, con un picco nei primi 3 anni di vita. La reazione viene scatenata a causa di un errato riconoscimento del sistema immunitario di alcune proteine, che vengono identificate dall’organismo come sostanze dannose.

Il nuovo rimedio, denominato Omalizumab, agisce direttamente contro le immunoglobuline E (IgE) che sono le responsabili all’origine delle crisi asmatiche, prevenendo in tal modo l’attacco infiammatorio.

Analizzando 15 pazienti che avevano già in precedenza manifestato reazioni allergiche di vario tipo, è emerso un innalzamento della soglia di tolleranza agli allergeni in seguito all’assunzione del farmaco. Finalmente, grazie agli effetti dell’Omalizumab, l’allergia alimentare cessa di essere pericolosa, una volta per tutte.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.