fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

News

Socotra, l’isola della felicità

today3 Luglio 2019

Background
share close

Nel sud dello Yemen, a largo dell’Oceano Indiano, esiste un’autentica meraviglia chiamata Isola di Socotra. Il termine Socotra si pensa derivi dal sanscrito, una lingua indoeuropea, e significa isola della felicità. Si tratta di un luogo intriso di magia, dove aleggiano antichi miti e leggende.

Socotra è nota sin dall’antichità grazie a personaggi quali Virgilio, che si riferiva all’oasi con il termine Panchaia (l’isola dalle sabbie fertili d’incenso profumato), a Filostrato di Lemmo, che la nominava parlando dell’araba fenice, l’uccello mitologico che risorge dalle proprie ceneri grazie al magico incenso di socotra, e secoli anche l’esploratore Marco Polo.

L’isola di Socotra è fondata sulla semplicità: l’atollo può essere raggiunto solo tramite volo aereo e i suoi abitanti vivono di turismo. Ma attenzione, non il classico turismo di massa, bensì un turismo ecosostenibile, che ha come obiettivo quello di proteggere il paesaggio e la sua biodiversità.

L’isola è caratterizzata da numerose specie di alberi dalla forma particolare: vi sono infatti quelli a forma di bottiglia, il beccogrosso alidorate e il becca moschino. Per quanto riguarda la fauna, invece, sul territorio sono presenti circa 192 specie di uccelli e 232 varietà tra coralli e pesci. Dal 2008 l’isola di Socotra è stata aggiunta dall’Unesco nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Come disse Anne Carson:

L’unica regola del viaggio è: non tornare come sei partito. Torna diverso.

Anne Carson

Written by: Silvia Orani

Previous post

News

La pista ciclabile che sale sugli alberi

Pedalare sugli alberi? In Belgio si può fare! Nel distretto di Limburgo, più precisamente a Hechtel-Eksel, è stato creato un progetto innovativo che vede protagonisti l’uomo e la natura. Si tratta di un percorso ciclabile che attraversa il territorio nella riserva naturale de Wijers, caratterizzata da 700 ettari di stagno. In questo luogo i ciclisti possono godere di un’esperienza unica: è infatti possibile pedalare su un doppio cerchio per salire […]

today3 Luglio 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%