fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Eventi

Sicurezza urbana partecipata, ANCI e SIM Carabinieri firmano un protocollo d’intesa

today30 Marzo 2019

Background

Promuovere la cultura della sicurezza urbana partecipata per una cittadinanza attiva consapevole e protagonista della propria sicurezza

Con quest’obiettivo l’Associazione Nazionale Comuni Italiani e il Sindacato Italiano Militare Carabinieri hanno firmato venerdì 29 marzo, alla presenza di inviati di voicebookradio.com e di altri giornalisti, un protocollo d’intesa che disciplinerà le attività di collaborazione tra queste entità.

A siglare il protocollo, alla presenza del Presidente del sindacato, il colonnello Sergio De Caprio, sono stati per il SIM Carabinieri il suo Segretario e il brigadiere capo Antonio Serpi, mentre in rappresentanza dell’ANCI, il vice-presidente e sindaco di Chieti Umberto Di Primio.

Sottoscriviamo questo protocollo che ha due obiettivi: diffondere la cultura del rispetto della sicurezza e formare la polizia locale, la quale è chiamata oggi a ricoprire un nuovo ruolo nell’ambito della sicurezza locale.

Umberto di Primio

Sono le parole di apertura dell’intervento di Umberto Di Primio, in cui traspare la convinzione della possibilità dell’esperienza di diventare un nuovo paradigma sul rapporto tra sicurezza e comunità.

La ricchezza non è tale se non può essere condivisa con gli altri, anzi è fine a sé stessa.

Antonio Serpi

Queste invece le parole d’esordio del brigadiere capo Antonio Serpi, che descrive anche una delle linee guida degli interventi nelle singole realtà locali, la progettazione ambientale, che si prefigge tramite una migliore gestione degli spazi, l’agevolazione del lavoro sul campo da parte delle forze dell’ordine nonché una migliore condivisione degli ambienti da parte dell’intera comunità.

Come il colonnello Sergio De Caprio ha sottolineato:

Vogliamo contribuire a costruire una sicurezza bene comune dei cittadini; non più calata dall’alto, ma costruita fianco a fianco, facendo partecipare tutti. La sicurezza deve tornare ad essere un bene comune, questo è un impegno che siamo fieri di portare avanti.

Sergio De Caprio

A margine della conferenza stampa abbiamo rivolto qualche domanda ai protagonisti e raccolto le loro impressioni rispetto alla nascita di questa importante collaborazione.

Di Ruggero Roccasecca

[sms_redbutton link=”https://www.voicebookradio.com/podcastfilter/firma-protocollo-anci-sim/”] CLICCA QUI PER I PODCAST DELLE INTERVISTE[/sms_redbutton]

Written by: Veronica Di Sero

Previous post

cane poliziotto

News

Clonato in Cina un cane poliziotto per accelerarne l’addestramento

La clonazione è sempre stata uno dei temi più dibattuti in bioetica, a partire da quando è stata effettuata quella della famosissima pecora Dolly. Le notizie che ci giungono dalla Cina parlano invece dell'applicazione di questo processo ad un cane: non uno qualsiasi, bensì un cane poliziotto. Dietro i motivi di questa scelta ci sarebbero delle ragioni in realtà molto pratiche: addestrare un cane poliziotto è molto costoso in termini […]

today30 Marzo 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%