fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Salute e benessere

Qual è la zona più calda abitata dall’uomo?

today1 Luglio 2019

Background
share close

ALT. Prima di addentrarci e scoprirlo è doveroso dedicare un piccolo accenno alla città più fredda del mondo, ovvero Oymyakon, un piccolo villaggio remoto situato in Russia, dove la temperatura in inverno raggiunge di media i -50 gradi centigradi

Ora che ci siamo preparati a dovere andiamo a scoprirlo.

Risultati immagini per dallol

Dallol

La zona pù calda abitata dall’uomo si trova nella regione dell’Afar e si chiama Dallol. Situata nel nord-est dell’Etiopia, nella depressione della Dancalia, la sua temperatura massima è in grado di raggiungere i 60 gradi centigradi e si trova sopra un cratere vulcanico dalle caratteristiche uniche.

La spaccatura è il risultato dell’esplosione di una camera magmatica della Valle del Rift (vasta formazione geografica di circa 3500 km che si estende circa dal sud-ovest dell’Asia nell’attuale Siria fino all’est dell’Africa in Mozambico), posta sotto un importante deposito di sale, lasciato dopo che il Mar Rosso si è ritirato da questa depressione.

La zona è una vasta distesa desertica dove si verificano frequenti terremoti ed eruzioni magmatiche e di geyser derivanti dall’intensa attività vulcanica sottostante.

La maggior fonte di attrazione è costituita da fenomeni e conformazioni tipiche del territorio quali: sorgenti calde acide, montagne di zolfo, coni di sale, vasche di acidi isolate da cornici di cristalli di sale e concrezioni, di evaporiti, di zolfo, di cloruro di magnesio o di soda solidificate. Il tutto su un fondo bianco, giallo, verde o rosso ocra, colori dati dalla forte presenza di zolfo, ossido di ferro, e di vari altri minerali.

Risultati immagini per dallol

Un tour fino a Dallol può arrivare a costare fino a 3000 euro a persona: voi ci fareste un pensierino?

Written by: Edoardo Perrone

Previous post

News

Ecco a voi Labfresh, la polo immune a (quasi) tutto

Non sarà ignifuga e a prova di proiettile come molte delle tute hi-tech dei supereroi moderni, ma questa miscela di piquet, fibre di cotone e composti chimici è comunque rivoluzionaria per noi comuni mortali: Labfresh resiste ad acqua, caffè, succhi di frutta, sugo, vino, e a qualunque altra cosa altamente macchiante vi venga in mente, senza contare che mantiene un alto grado di freschezza come fosse appena uscita dall'asciugatrice. Il […]

today1 Luglio 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%