fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Cultura

Photo Wake-up, l’algoritmo che fa rivivere le opere d’arte

today21 Giugno 2019

Background
share close

La grande sfida è stata realizzare un’animazione interattiva partendo da un soggetto raffigurato in due dimensioni (2D), e dunque da un singolo punto di vista prospettico. Il nostro lavoro combina il progresso tecnico con la visualizzazione artistica creativa.

Ira Kemelmacher-Shlizerman

Un gruppo di ricercatori formato da Chung-Yi Weng, Brian Curless e Ira Kemelmacher ha sviluppato Photo Wake-up, un algoritmo in grado di far prendere vita alle opere d’arte. Quest’invenzione permette di conseguenza di far interagire gli spettatori dei musei con i pezzi esposti indossando delle lenti AR ed immergendosi così in un’esperienza senza precedenti.

Per riuscire in tale impresa, l’algoritmo traccia il contorno del soggetto che si vuole far animare, il quale viene successivamente collegato a un modello tridimensionale. Dunque, il meccanismo deforma il modello della persona rappresentata nel dipinto o nella foto in maniera da poter proiettare i contorni in 3D. Una volta compiuta quest’operazione Photo Wake-up memorizza i dati tridimensionali ritagliando le parti in eccesso affinché il soggetto della foto possa prendere vita. I creatori tengono a precisare che al momento l’algoritmo funziona meglio con le immagini di soggetti fittizi o reali in posizione frontale.

Come affermato da Chung-Yi Weng:

Photo Wake-Up è un nuovo modo di interagire con le foto. Non può ancora fare tutto, ma questo è solo l’inizio.

Chung-Yi Weng

Written by: Silvia Orani

Previous post

News

Cerebellum One, la sicurezza in bici

La tecnologia sta facendo dei passi da gigante, e questa volta il campo dell’innovazione riguarda il settore ciclistico. È stato infatti realizzato Cerebellum One, il nuovo casco dotato di intelligenza artificiale progettato dall’azienda Briko per l’incolumità dei ciclisti, un'invenzione che presenta ben 7 funzioni. Partiamo dalle prime due: lo specchietto retrovisore o in alternativa il radar. Entrambe le funzioni vengono azionate tramite telefono. Nel primo caso si tratta di un […]

today21 Giugno 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%