fbpx

Young

Premi PLAY per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Music Whispers

19:00 20:00

Show attuale

Music Whispers

19:00 20:00


parole, parole, parole: batracomiomachia

Scritto da il 18 Dicembre 2020

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “How to save a life” – The Fray

Bentornati nella nostra rubrica, oggi si parla di nuovo di una parola interessante da scoprire, sia per la sua etimologia che per il suo possibile utilizzo nella nostra comunicazione quotidiana.

Il vocabolo di oggi è “batracomiomachia“. Oggi indica una “contesa vana e ridicola per futili motivi” e rende l’idea di questo significato anche nel suono. Può essere impiegata nelle conversazioni scherzose quanto in quelle più serie.

Anche questa volta ci troviamo di fronte ad una parola che ha “dialogato con il suo tempo”: nasce “per antonomasia” dal titolo di un’opera.

Ma l’opera di cui stiamo parlando, stavolta, dialogò con un tempo molto lontano da noi, e questa parola si è conservata intatta per molti secoli!

Com’è possibile? Beh, diciamo che un signore di nome Omero – o ciò che è stato scritto sotto questo nome, insomma – è abbastanza presente nella nostra cultura.

La “Batracomiomachia” era infatti una parodia omerica attribuita dagli antichi ad Omero stesso, ammesso che sia esistito davvero. Tutto quello che è nell’orbita omerica si è conservato molto bene nella cultura occidentale, tanto che questa parola è ancora qui.

Il titolo greco era βατραχομυομαχία, “Batracomiomachia” composto di βάτραχος ‘rana’, μῦς μυός ‘topo’ e μαχία ‘battaglia’. Il titolo intero vuol dire “la battaglia delle rane e dei topi”.

Per dare una spiegazione del fatto che questo termine si sia conservato nei secoli basta pensare al fatto che questo poemetto ispirò parodico Leopardi nei suoi I paralipomeni della Batracomiomachia, dove in una lotta tra rane e topi erano nascosti i tentativi rivoluzionarî e le repressioni reazionarie nell’Italia di inizio ‘800.

Dunque questo termine che in origine significava “battaglia tra rane e topi” oggi significa “litigata per motivi stupidi” e possiamo utilizzarlo nelle nostre conversazioni! Strana la lingua, eh?

Se volete leggere altri articoli come questo, cliccate qui https://www.voicebookradio.com/parole-parole-parole-ok/

Taggato come

Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.