fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

YCB

Pandoro vs Panettone: una sfida senza fine

today30 Dicembre 2022

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Last Christmas” – Wham!

Ogni Natale è segnato, in particolare, da un duello : quello tra pandoro e panettoneAl termine del cenone della Vigilia, alla fine del pranzo del 25 e alla merenda per tutte le settimane successive, non può mancare una di queste due prelibatezzeEppure, non c’è anno in cui non si verifichi questo scontro agguerrito tra i due dolci, ma la verità è che è tutta una questione di gusti grande scoperta, vero?  – . Perciò cercare di stabilire quale dei due sia il migliore è abbastanza impossibile, perché ci sarà sempre qualcuno che avrà da ridire in entrambi i casi. Mi sembra giusto, però, fornire informazioni sia sull’uno che sull’altro, in modo che entrambi i team possano fare le loro constatazioni

Pandoro, di nome e di fatto

Pandoro
Pandoro, delizia per gli occhi e per il palato

Il Pandoro è una dolce prelibatezza veronese nata ufficialmente nel 1884, quando Domenico Melegatti – vi dice qualcosa? – presentò questo dessert spettacolare al Ministero di Agricoltura e Commercio del Regno d’ItaliaTuttavia, secondo alcuni le prime tracce, anzi, briciole di pandoro si trovano intorno al 1500Secondo altri ha origine da un’antica ricetta tradizionale veronese: il LevàQuesto dolce lievitato era ricoperto con granella di zucchero e mandorle, ma l’impasto era simile al nostro dolce. Così, Melegatti pensò di togliere la copertura, che poteva ostacolare la lievitazione e aggiunse il burro, che rende il Pandoro magicamente sofficePensate che, però, alcuni credono che abbia un antenato ancora più antico: parliamo del panis, realizzato da Vergilius Stephanus Senex con olio, burro e farina, e raccontato da Plinio il Vecchio, nel I secolo d.C. 

Di certo, però, non aveva un nome così adatto. Infatti, il Pandoro si chiama così perché, secondo alcuni, veniva abbellito con delle foglie dorate e perciò veniva denominato dai veneti Pan De Oro

Panettone, l’errore più gustoso della storia

Panettone, l'opposto del Pandoro
Panettoni, più adatti ai più grandi secondo Dolly

“Capisci di essere cresciuto quando diventi team panettone”
Alessandro Cartocci

Proprio così, il Panettone è una squisitezza proveniente da Milano, che spesso si tende ad apprezzare in età più avanzata, non si capisce bene per quale strano meccanismo. Bizzarro pensare che ebbe origine proprio da un errore. La Vigilia di Natale, infatti, nella residenza della famiglia Sforza, a Milano, avvenne qualcosa che non doveva accadere: venne bruciato un dolce. Allora, uno sguattero di nome Toni prese in mano la situazione: utilizzò un panetto di lievito e lo lavorò con farina, uova, uvetta canditi e zuccheroE il risultato che ottenne fu un valido antenato del PanettoneQuesta non è l’unica leggenda che viene raccontata riguardo alla nascita di questa delizia, ma sicuramente è la più conosciuta. La forma, invece, prese ispirazione dal kulic, un dolce pasquale ortodosso. Angelo Motta, creatore dell’aspetto che conosciamo oggi, decise, inoltre, di aggiungere del burro e di avvolgerlo nella carta pagliaE da lì, divenne come lo vediamo sulle nostre tavole. 

Piccole briciole

Questo dolce è veramente incredibile, fa sentire moltissimo l’atmosfera natalizia e ho appena scoperto che esiste un vero e proprio galateo che spiega come va mangiato: nel caso non sia accompagnato da creme, ci si può servire con le mani, tenendolo con la sinistra e staccando piccoli pezzetti con la destra. Se è accompagnato da creme, invece, occorreranno cucchiaino e forchetta da dolceMa insomma, al di là di questo, a Natale si è in famiglia, perciò assaporate come preferite

Inoltre, non ci crederete, ma esistono delle versioni veramente originali del panettone, che forse per i tradizionalisti amanti di quello classico potranno risultare un po’ sacrilegheUn esempio più che calzante è il cosiddetto Pancaponata, ripieno di melanzane, pomodori secchi, olio, aglio e coperto da peperoncino e origanoEcco, possiamo dire che si tratta di una rivisitazione… piuttosto unica nel suo genere

Ora, di sicuro avrete una panoramica più completa riguardo entrambe le fazioni, ed in base alle vostre preferenze potrete decidere da che parte schierarvi. L’importante, però, sarà godersi al meglio queste feste, usufruendo anche di queste delizie, che di certo contribuiranno! 

Scritto da: Benedetta, 3G

Written by: Aurora Vendittelli

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%