fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Turismo

On The Road: Carcassonne

today4 Agosto 2022

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Castle On The Hill” – Ed Sheeran

La prima cosa da fare, di mattina, in Francia è fermarsi ad una Patisserie a fare colazione, e Kevalin almeno questa regola, la conosce. Entrare in uno di quei negozi, a quanto dice l’inviato fortunato, è un’esperienza magica che ti può portare ad una vera crisi: “Quali dolcetti scelgo?” -Non è un problema da poco-. In ogni caso, dopo aver fatto colazione, Kev monta in macchina e si dirige verso Carcassonne.

La città medievale

Prima di tutto, non confondiamoci: non stiamo parlando del gioco da tavolo. –È sempre bene mettere le cose in chiaro-. Carcassonne non è solo un castello medievale, come si potrebbe immaginare. O meglio non è solo un castello. Quando Kev si avvicina alla fortezza, sembra un castello con moltissime torri e grandi mura; ma quando arriva all’entrata capisce che non è così.

È una cittadella fortificata interamente turistica. In termini italiani? Kevalin l’ha descritta come “Alberobello medievale con la stessa folla di Disneyland“. – Parole sue, non mie-. Ogni negozio è un ristorante o un bar o di dolci oppure un negozio di merchandising. Kev ne trova alcuni in cortili nascosti e giardini piacevoli dove è possibile godersi qualche drink e se si è fortunati anche un concerto.

Il castello

Ovviamente in una città fortificata ha un castello e Kev non può non visitarlo. Quasi si perde, visto quanto è grande. Si inizia vedendo l’interno del castello e poi si sale e, visto il numero di torri, alla fine della giornata Kevalin avrà, con grande probabilità, dei crampi alle gambe. Le mura, percorribili, costeggiano non solo l’edificio, ma anche l’intera città ed offrono scorci mozzafiato.

Kevalin le visita due volte le mura: la seconda volta è di sera, godendosi uno spettacolo di luci sulle mura e guardando la città da un altro punto di vista.

La sera, come già prevedevo, Kev mi scrive, lamentandosi dei crampi. –Ho sorriso, inutile mentire, perché sono una persona pessima; ma questi son dettagli.- 

Written by: Ro Vendittelli

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%