fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young ASCOLTA LA DIRETTA

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Eventi

On Stage: Roma suona Jazz con Take Five

today13 Aprile 2023

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura “Take Five” – Dave Brubeck

Si chiama Take Five, la maratona di concerti, dedicata al genere jazz e classico, che la scuola internazionale di musica – Avos Project – organizza il 15 e il 16 aprile a Roma nel Pontificio Istituto di Musica Sacra.

jazz53 allievi, 13 docenti e 19 quintetti coinvolti in dieci concerti volti alla scoperta del repertorio cameristico per cinque strumenti. Ogni concerto prende il nome dei titoli più importanti. In the mood sarà l’apertura che avrà luogo alle 10:30 per poi essere seguito da Autumn leaves, Cheek to cheek, My favourite Things, Fly me to the moon per quanto riguarda il primo giorno. Mentre al secondo abbiamo All the things you are, I’ve got you under my skin, I got rhythm, The man I love, ‘round midnight.

Il cartellone

Nei vari appuntamenti i prodigi si confronteranno con i docenti in sfide degne di essere ascoltate.

In cartellone spiccano nomi di grandi artisti nella scena internazionale – Carlo Maria Parazzoli, David e Diego Romano -dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia-, Mirei Yamada, Kevin Spagnolo, Alessio Pianelli, Mario Montore e Massimo Spada – che affiancheranno gli allievi nell’esecuzione di brani della letteratura musicale cameristica – Brahms, Bartok, Schumann e Mozart – alternati a brani meno eseguiti – Zarebski, Medtner e Dohnányi -.

jazz“Nel jazz i giganti si cimentano nel reinterpretare gli standard composti prima di loro, così come l’esecuzione dei capolavori classici che, ad ogni esecuzione, ci riporta al momento esatto in cui quel brano è stato concepito. Noi vogliamo proporre sul palco l’improntitudine del jazz, il continuo scambio tra docenti e allievi e la ricerca di repertori meno eseguiti per offrire sempre ai musicisti e al pubblico una nuova prospettiva”. – Davide Romano, fondatore della scuola

L’ingresso sarà per appuntamento e in maniera del tutto gratuita. Un weekend a pieno Jazz soprattutto per i grandi appassionati per i quali risulterà un occasione da non perdere!

Scritto da Christian Inbrunnone

Written by: Redazione

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%