fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Cultura

Pompei si avvia ad una nuova fase

today27 Febbraio 2020

Background

Durante la lettura si consiglia l’ascolto del brano: “Thursday Afternoon – Brian Eno”

Il Grande Progetto Pompei, avviato nel 2014, si è concluso, permettendo la vista di nuovi reperti dell’antica città portuale, tra cui tre delle più importanti insulae ritrovate che fino ad oggi sono state chiuse al pubblico.

A Pompei non è più il tempo delle emergenze. Abbiamo davanti a noi nuove e importanti sfide per la tutela, la conoscenza e la valorizzazione degli scavi e del territorio.

Massimo Osanna

Con queste parole il Direttore del Parco Archeologico di Pompei annuncia l’inizio di una “nuova era” per il sito.

Il Grande Progetto Pompei consisteva nel rafforzare l’efficienza delle strutture di sicurezza per migliorare la stabilità dell’interno delle abitazioni ed il loro restauro, inoltre consentiva la protezione degli edifici dalle intemperie e l’aumento delle aree visitabili, rafforzandone la sicurezza. I costi necessari per la realizzazione di tutto ciò, non solo provenienti da fondi nazionali, ammontano a circa 105 milioni di euro.

Il progetto ha permesso la riapertura al pubblico di tre importanti domus, oltre a tante altre: la Casa degli Amanti, la Casa della Nave Europa e la Casa del Frutteto.

La prima è soprannominata così da un’incisione che si trova sul fondo del peristilio. La sua scoperta risale al 1933, ma un terremoto ne ha chiuso l’accesso per quarant’anni. La domus deve la sua importanza al fatto che è l’unica ad avere conservato completamente il secondo piano del peristilio, permettendo di conservare la divisione degli spazi originale.

Amantes, ut apes, vitam melitam exigunt;

Gli amanti conducono, come le ali, una vita dolce come il miele.

La Casa della Nave Europa prende il nome da un graffito presente. Il suo nucleo originario risale al III secolo a.C., ma ha subito numerose modifiche nel corso del tempo.

L’ultima domus, La Casa del Frutteto, deve il suo nome alle decorazioni vegetali che ne ornano gli ambienti. Con probabilità i suoi dipinti sono i tra i più belli ritrovati che hanno come soggetto un giardino. La differenza tra questa domus e le altre è rappresentata dalla presenza di graffiti dedicati al culto della dea egizia Iside.

Inoltre, si è tornato a scavare in zone finora mai toccate, al fine di portare alla luce nuovi reperti, poichè solo con la ricerca si può provvedere alla tutela dell’identità delle popolazioni passate, e della nostra stessa identità culturale.

Siete mai stati a Pompei? Cosa pensate di questa svolta per il Parco Archeologico?

Written by: Aurora Vendittelli

Previous post

nuovo esame di maturità 2019: ecco cosa cambierà

Scuola

Messaggio dalla ministra Azzolina

Durante la lettura si consiglia l'ascolto del brano: "Breakeven - The Script" Mentre in mezza Italia le scuole sono state chiuse in via precauzionale perché, per rubare sin dal principio le parole della ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina, "il diritto alla salute in questo momento viene prima di tutto", e nell'altra metà si attendono ulteriori direttive tra mille incognite e interrogativi, il MI (così come le altre istituzioni sue omologhe) è […]

today26 Febbraio 2020

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%