fbpx

Young

Premi PLAY per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Oroscopo

14:00 14:03

Show attuale

Oroscopo

14:00 14:03


Norman Fucking Rockwell: la nuova Lana Del Rey

Scritto da il 2 Settembre 2019

Lana Del Rey è nostalgia pura e la nostalgia si sa, é un carosello di emozioni, di immagini, di riscoperte, che si intrecciando dando vinta a un passato perduto.

Dalle atmosfere rarefatte delle canzoni, ai video che le accompagnano, ai look da femme fatale , Lana é immersa in una nostalgia fatta di liquidità.

La stessa liquidità in cui l’ascoltatore si lascia trasportare placidamente e mentre il mare si colora delle tinte aranciate e rosee del tramonto, ecco che affiorano i ricordi, quelli di una vita mai vissuta, che divorano l’anima lentamente come la risacca delle onde erode la spiaggia.

Tuttavia nel nuovo album, Norman Fucking Rockwell, Lana Del Rey si lascia alle spalle l’America che aveva raccontato fino a questo momento, tra , droga, lolite, ragazze innamorate di cattivi ragazzi, relazioni volte ad amari finali.

Nell’album c’é consapevolezza che ,nella rarefazione delle melodie soavi, si nasconda la verità di un’ America che va altre all’immagine del mito. La decadenza é la risposta al sogno americano, dietro cui si celano menzogne e falsi miti.

Il titolo dell’album, a detta della cantante “inatteso”, evoca il pittore Norman Rockwell e il suo realismo romantico nel raccontare la società americana.

Così fa Lana Del Rey raccontando il mito svanito in Venice Bitch:

Oh God, miss you on my lips

It’s me, your little Venice bitch

On the stoop with the neighborhood kids

Callin’ out, bang bang, kiss kiss

You’re in the yard, I light the fire

And as the summer fades away

Nothing gold can stay

You write, I tour, we make it work

You’re beautiful and I’m insane

We’re American-made

Le altre tracce (tra quelle più significative citiamo Hope Is A Dangerous Thing For A Woman Like Me To Have – But I Have It con i riferimenti a Sylvia Plath, Doin’ Time, cover dei Sublime, The Greatest e gli incendi in California) continuano con l’affresco del paese delle stelle e strisce da ascoltare sulla scia di un tramonto di un caldo Settembre e la nostalgia di un’estate che sta finendo.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.