fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Cinema e TV

Netflix. La fine dei cinema?

today5 Novembre 2019

Background
share close

Durante la lettura si consiglia l’ascolto del brano: “This is War – Thirty Seconds To Mars”

Nelle sale cinema solo dal 4 al 6 novembre, con l’unica eccezione per quelle americane, dove vi resterà per circa un mese per gli Oscar, “The Irishman” è un film prodotto da Netflix che lo aggiungerà alla sua piattaforma streaming il 27 dello stesso mese.

The Irishman” è raccontato da Frank Sheeran, soldato della Seconda Guerra Mondiale e sicario che ha lavorato per la mafia americana del XX secolo, interpretato da Robert De Niro, tramite flashback. Il protagonista informa di come tutto è cominciato, di come ha iniziato a lavorare ed ha instaurato una grande amicizia con Jimmy Hoffa, impersonato da Al Pacino, e rileva inoltre i venticinque omicidi compiuti. Il film è tratto dall’omonimo libro di Charles Brandt, al quale proprio il sicario ha raccontato la vicenda.

Grande lavoro è stato fatto in post-produzione per “ringiovanire” gli attori durante il film prodotto dal regista Martin Scorsese e con personaggi interpretati da attori come Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci. Sorprende non poco che il film resti nelle sale cinema per un intervallo di tempo così ridotto, ma forse questo è solo uno dei tanti segni che indicano la fine dei cinema, delle uscite insieme per un film e dei grandi schermi, eclissati da quelli dei computer, con i quali si può accedere alle piattaforme streaming e guardare un film comodamente sdraiati sul proprio letto.

Continuando a percorrere questa strada per le fanciulle un romantico appuntamento al cinema, classico dei romanzi rosa, resterà solo un sogno.

Written by: Aurora Vendittelli

Previous post

Musica

The Man Who Sold the World

Durante la lettura si consiglia l’ascolto dell'album: "The Man Who Sold the World" Il 4 novembre 1969 viene pubblicato The Man Who Sold the World, terzo album di David Bowie. Deviando dalle atmosfere folk di Space Oddity e del glam rock di Hunky dory, l’album si posa ora su atmosfere dolci e malinconiche, ora su quelle prevalentemente rock di cui la chitarra Mick Ronson è protagonista. Punto di partenza per […]

today4 Novembre 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%