fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Musica

Mina “travolta” dai Beatles

today22 Ottobre 2022

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “And I love her” – Mina

Il 18 novembre uscirà Mina, The Beatles Songbook. 18 canzoni -due inedite- dei Beatles interpretate dalla cantante.

Mina canta i Beatles. Un accostamento in apparenza azzardato, ma che dimostra la versatilità straordinaria di Mina. Ancora una volta.

E così il 18 novembre esce, per Warner Music Italy, The Beatles Songbook, il nuovo progetto che celebra la voce italiana per eccellenza e la band più influente della storia della Musica mondiale, i Beatles. Due diverse genialità che si incontrano.

Mina copertina disco

Solo un assaggio

Per ingolosire ancora di più il pubblico è già online il primo singolo estratto dal progetto, l’inedito And I Love Her registrato appositamente per quest’album.

La raffinatezza di un arrangiamento jazz gira intorno alla voce sempre soave e sopraffina di Mina. Il brano si trasforma in una nuvola che spazza via tutto con la sua limpidezza. Ascoltare per credere!

Il disco conta 18 canzoni registrate e rimasterizzate in un arco di tempo che va dal 1965 di So che mi vuoi al 2022 di And I love her.

Ops, I did It again!

Ma non è la prima volta che Mina vede a questa tentazione, già nel 1993 uscì la sua prima raccolta dedicata ai FabFour e lei la racconto con parole appassionate e vere più che mai.

“Come ogni altro essere vivente fui colpita, invasa da quella inondazione, dal più grande servizio a domicilio che la storia ricordi, dalla trasformazione che il nostro pianeta ebbe nel ‘mondo dei Beatles’, dalla più colossale uniformità di emozioni, passione, partecipazione compatta in massa a quello che è stato più di ogni altro il ‘fenomeno per tutti’, il ‘caso generale’ più vissuto da ogni singolo sulla faccia della terra.

Mina copertina 1993

Impossibile non prenderne atto, di quel trasloco collettivo, immediato, dall’epoca in corso a ‘quella dei Beatles’. Improvvisamente, la pagina che era stata girata andava a coprire, a stendere come un velo su importanti lavori in corso, su presenze potenti, incisive, energiche quali Presley, Sinatra e i grandi del jazz (…). Tutto fagocitato. Dai Beatles e dalle loro canzoni (…) così semplici, in fondo, e così grandi, apparentemente così spontanee da ricordare le canzoni napoletane.

Mina

Ed eccomi oggi ancora qui, ancora legata ai loro, oltre che da altro, dalla gratitudine per il loro aver fornito a Joe Cocker, Ray Charles, Frank Sinatra, Sarah Vaughan, Ella Fitzgerald e altri grandi il materiale per quei capolavori che sono le loro versioni delle canzoni dei Beatles. Ed eccomi oggi ancora, pronta testimone dell’abbattimento di frontiere, di muri, di ostacoli linguistici effettuati dai Beatles attraverso le delizie dei loro testi, fluidi come i pensieri più felici di una mente col dono dell’eterna freschezza”. 

Queste erano le parole che Mina scrisse nel 1993. E sono parole assolutamente condivisibili, parole che ci riguardano un po’ tutti perché, a conti fatti, chi di noi non è stato “travolto” dalla British invasion più potente della storia?

Written by: Valentina Proietto Scipioni

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%