fbpx

Young

Premi PLAY per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista


Lo studio: una palestra per la mente, un toccasana per il corpo

Scritto da il 30 Maggio 2019

“Mens sana in corpore sano”: un antico detto che, semplificato, significa che “prendersi cura del proprio corpo è prendersi cura della propria mente”.
Ma un recente studio scientifico ha appena ribaltato totalmente la celebre citazione latina: è avere una mente sana e ben allenata dallo studio la chiave per mantenersi in buona salute.

Andiamo più a fondo nella questione: è stato dimostrato da una ricerca condotta congiuntamente dall’Imperial College di Londra e dalle Università di Bristol, Cambridge e Oxford che chi trascorre 3,6 anni in più sui libri riduce di 1/3 il rischio di incorrere in malattie di natura cardiovascolare, proteggendosi così da infarti e ictus. Lo studio, pubblicato sul British Medical Journal, ha messo in evidenza come prolungare l’attività di formazione vada ad incidere positivamente sull’IMC (Indice di Massa Corporea) e sulla pressione sistolica.

Per pervenire a questa conclusione gli studiosi hanno innanzitutto esaminato un campione di 200mila adulti del Regno Unito andando ad incrociare i dati relativi ai loro studi e ai loro dati clinici per poi condurre una randomizzazione mendeliana, vale a dire una verifica genetica su un campione costituito da più di un milione di individui in tutta Europa.

Ed è stato proprio basarsi su un numero così vasto ed eterogeneo di soggetti a determinare la veridicità dell’ipotesi che 3,6 anni di studio in più siano associati a una diminuzione dell’IMC di 1 kg/m2 e a una riduzione della pressione sistolica di 3 mm/Hg.
Con queste parole Dipender Gill, un coatore dello studio, ha commentato le possibili ragioni alla base di questa interessante correlazione tra studio e salute:

La nostra ricerca suggerisce che solo la metà di questo effetto protettivo derivi dal peso ridotto, dalla pressione arteriosa e dal fatto di fumare di meno. Ora dobbiamo indagare su quali altri motivi possono collegare l’educazione con la riduzione del rischio di malattie cardiovascolari.

Dipender Gill

Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.