fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

  • cover play_arrow

    MARCHIO DI FABBRICA 29/04/21 Giorgio

News

L’imbarco in aeroporto si basa sul riconoscimento facciale: nuova sperimentazione a Miami

today8 Febbraio 2019

Background
share close

I passeggeri del volo 461 in partenza da Miami International Airport per Monaco hanno passato il gate di imbarco attraverso una semplice foto, senza carta d’imbarco né passaporto. Un passaggio molto più veloce e semplice rispetto al canonico controllo, reso possibile dalla tecnologia biometrica di riconoscimento facciale sviluppata da Sita, fornitore globale di tecnologia per il trasporto aereo.

La sperimentazione è resa possibile grazie alla collaborazione tra Sita, Mia, Lufthansa e la Polizia di frontiera statunitense (US Customs And Border Protection). Questa tecnologia utilizza una fotografia scattata al gate d’imbarco per confermare l’identità dei passeggeri e autorizzarli a viaggiare. La verifica dura meno di due secondi e ha un tasso di corrispondenza del 99%.

Tuttavia, il riconoscimento facciale per l’imbarco è solo il primo passo dell’applicazione di questa nuova tecnologia per aeroporti: dovrebbe essere infatti utilizzata anche in tutte le operazioni di controllo, dal check in alla consegna dei bagagli, fino, appunto, ai controlli di sicurezza dell’imbarco. Tutto ciò dovrebbe rendere in generale più veloce il percorso dei singoli passeggeri all’interno dell’aeroporto:

«Quanto realizzato al Mia è un nuovo grande successo: abbiamo fatto squadra per migliorare l’esperienza dei passeggeri tramite l’innovazione. Abbiamo lavorato a stretto contatto con Us Cbp, aerolinee e aeroporti per creare una soluzione per un’uscita biometrica senza intoppi, che vada incontro alle esigenze di tutti, passeggeri e operatori. La soluzione Sita Smart Path che sta alla base di questa implementazione, utilizza varchi aeroportuali di uso comune, secondo gli standard settore: questo fa sì che la soluzione possa essere utilizzata da ogni altra compagnia aerea all’aeroporto di Miami» 

Sergio Colella – Presidente Sita Europa

Written by: Edoardo Cipriano

Rate it

Previous post

L’appello di aiuto lanciato da Brian May, chitarrista dei Queen

Cultura

L’appello di aiuto lanciato da Brian May, chitarrista dei Queen

Brian May, il chitarrista dei Queen di cui abbiamo sentito parlare recentemente grazie al celebre film sulla storia di Freddie Mercury e del gruppo stesso, Bohemian Rapsody, lancia un appello attraverso il suo account Instagram, chiedendo aiuto ai suoi fan per ritrovare un gioiello a cui tiene molto: Persi! I miei orecchini preferiti! Beh, uno di loro. La mia cara moglie, dopo una lunga e magnifica giornata di lavoro, questa […]

today8 Febbraio 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%