fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Musica

Led Zeppelin IV

today8 Novembre 2019

Background
share close

Durante la lettura si consiglia la playlist dell’album “Led Zeppelin IV-Led Zeppelin”

https://m.youtube.com/playlist?list=PLrsbQkjm7ZKBaZWDPA3trDIHhetwY3Qqo

L’8 novembre 1971 i Led Zeppelin pubblicano il loro quarto album, senza titolo e normalmente chiamato Led Zeppelin IV.

Un disco contro le regole di produzione (senza titolo, un’immagine di copertina ambigua, registrato in una casa nella campagna inglese, progettata per accogliere persone affette da malattie mentali e poi adibita ad orfanotrofio) che comunque numericamente si è rivelato uno dei dischi più venduti di tutti i tempi (23 milioni di copie negli Stati Uniti).

L’idea di un senza titolo era nata da Page che spiega:

Con tutto quello che avevamo fatto, la stampa continuava a dire che eravamo solo una moda. Ecco perché il quarto album non ha titolo.

Tuttavia la quarta di copertina, avvolta ancora in un alone di mistero, segnata da quattro simboli, due sigilli e le due rune, il cui significato non risulta chiaro, è riconducibile al possibile titolo Four Symbols e The Fourth Album oppure Untitled, Runes, Sticks, ZoSo.

Dal punto di vista concettuale sulla copertina è rappresentato un quadro, raffigurante un contadino che porta una fascina di legname, appeso a un muro consumato dal tempo.

L’idea è quella del circolo della vita che, legandosi al passato con l’immagine del contadino, si chiude con un presente altrettanto corrosivo in un’illustrazione, nella parte interna della copertina, di Barrington Colby MOM, ispirata a L’Eremita, una carta dei tarocchi.

La registrazione viene fatta nell’inverno 1970-1971 a Headley Grange, una villa rurale in Inghilterra, scelta per la particolare acustica, divenuta parte attiva dell’album.

Infatti l’acustica naturale della casa si rivela indispensabile per creare l’attacco potente di grancassa e piatti all’inizio di When the Levee Breaks.

Muddy Waters Electric Mud

Ispirato a Oh Well Fleetwood Mac, Plant lo definisce “un pezzo sfacciato, del tipo facciamolo in bagno”.

Black Dog

Brano hard rock blues, la musica nasce da Electric Mud di Muddy Waters. Per il contenuto, definito dai fruitori dell’album satanico per il titolo Dog visto come rovesciamento di God e del verso che dice “eyes that shine burning red”, in realtà Plant si ispira a un labrador nero che vede intorno alla casa.

Rock And Roll

Sull’ispirazione da Muddy Waters e Little Richard è un omaggio alla storia del rock.

Misty Mountain Hop

Delirio della cultura hippy, racconta di incontro del gruppo con la polizia dopo aver fumato marijuana.

Going to California

Omaggio alla west coast, Il brano parla della ricerca di una “ragazza con l’amore negli occhi e i fiori tra i capelli“, probabile riferimento alla cantautrice Joni Mitchell.

The Battle of Evermore

La grande ballata del disco, è un’esplosione di fantasy, vista come traspozione musicale di alcuni episodi del Signore degli anelli.

Starway to heaven

Il brano, 8 minuti di ascesa verso il Paradiso, è un climax di emozioni, dalla quiete iniziale alla tempesta. Plant la definisce “carina, naïf, gradevole e piena di buone intenzioni”, e poi aggiunge essere frutto di ispirazione del fumo marocchino.

 When the Levee Breaks

Sull’ispirazione di un blues di Memphis Minnie, Plant voleva costruire con la sua voce un omaggio a Elvis Presley. Il tema è il tumulto causato dal cedimento degli argini, tema collegato all’alluvione del Mississippi del 1927, che portò gli abitanti di Greenville a spostarsi nei pressi di un argine integro.

Four sticks

Il titolo fa riferimento alle quattro bacchette, due per mano, usate dal batterista durante le prove.

Written by: Federica Ferrazza

Previous post

Sole

Scienza e Tecnologia

Continua la corsa al Sole artificiale

Durante la lettura si consiglia l’ascolto del brano: “Sunshine - Sia” Non sarà né il primo né l'ultimo che verrà messo in funzione nei prossimi anni, eppure rappresenta un importante atto di collaborazione di respiro internazionale nella lotta alla crisi energetica che sta segnando il nostro tempo: è stato appena approntato in Provenza l’edificio che entro il 2025 ospiterà il tokamak Iter (International Thermonuclear Experimental Reactor), il primo “Sole artificiale” […]

today8 Novembre 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%