fbpx

La scuola della quale non importa più a nessuno

Scritto da il 21 Ottobre 2019

Scuola. Il luogo dove per definizione una persona cresce e si forma. Sì, se l’istituto lo permette.

Secondo l’OCSE, organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, l’Italia spende il 3,6% del PIL in scuole ed università, un punto e mezzo in meno rispetto alla media degli altri paesi pari al 5%. Difatti solo una scuola su cinque è antisismica e sono 21mila le strutture da considerarsi inagibili, ma che vengono ugualmente utilizzate con regolarità.

Altro problema da non sottovalutare è l’abbandono del percorso scolastico: difatti almeno uno studente su sette non termina gli studi. Inoltre uno studente su due non legge più di un libro diverso da quello scolastico: secondo i dati, il 47% dei giovani può essere definito “non lettore”. Anche lo sport sembra essere qualcosa di molto distante per i ragazzi, basti pensare che uno su cinque non pratica sport e un buon 15% svolge attività fisica in modo irregolare.

Le scuole non sono sicure e gli studenti stessi sembrano non avere interessi, a partire anche da qualcosa di semplice come lo sport appunto. “Un paese vietato ai minori”, commenta Valerio Neri, direttore di Save The Children, e forse ha ragione. Se le scuole stesse perdono interesse nei giovani è inevitabile che anche i giovani perdano interesse verso loro stessi, non leggendo più un libro e non facendo neanche esercizio fisico. Si dice spesso di curarsi dei giovani, ma forse prima ci si dovrebbe curare delle scuole.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Young

Premi PLAY per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Stone Washed

10:00 12:00

Show attuale

Stone Washed

10:00 12:00