fbpx

Young

Premi PLAY per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista


La metamorfosi fotografica

Scritto da il 19 Ottobre 2018

L’importante non è la fotocamera, ma l’occhio.
-Alfred Eisenstaedt

La metamorfosi della fotografia, di pari passo col processo tecnologico e svolta nella storia dell'uomo.

Autoritratto di Nadar su carta salata (1855)

Prendendo un filo che rappresenta il tempo e le varie epoche, si può porre un segnalino sul 1800 e scriverci: da qui, il mondo e l’idea di esso sono cambiati.

È scontato dire che la nascita della fotografia ha cambiato moltissime cose, così come il progresso artistico e tecnologico l’hanno cambiata a loro volta, ed è altrettanto superfluo parlare della sua storia, dei progressivi cambiamenti e differenti strutture.

Il cambiamento più interessante, però, che merita una certa attenzione, è avvenuto negli ultimi decenni, dietro la macchinetta.

Agli inizi, l’uso e la funzione della fotografia si limitava a cercare di fare meglio e più velocemente quello che la pittura faceva da sempre: rappresentare il reale. Infatti, anche grazie a quest’invenzione, si sono sviluppati nuovi movimenti artistici lontani dalle rappresentazioni fedeli del reale che mostravano, oltre i tecnicismi, l’artista.

Si potrebbe dire che una cosa simile sia avvenuta alla fotografia con l’avvento delle nuove tecnologie. Tra gli anni 50 e 70 i mezzi per creare una foto sono diventati man mano accessibili ad un numero sempre più grande di persone, che per collezionare ricordi non si servivano più di fotografi di professione. Questo fatto, come tutti, ha un lato positivo e uno negativo.

Nel momento in cui chiunque, grazie ai nuovi mezzi, poteva ottenere una bella foto, tanti fotografi si sono dovuti “reinventare”.

In che senso? Per esempio: se “io azienda” ho bisogno di una foto ma chiunque può farmela, vado a ricercare un certo tipo di foto piuttosto che un altro. O meglio, vado a ricercare un occhio particolare e una creatività che altri non hanno. Ciò che cerco non è più una foto, ma un’idea.

La metamorfosi della fotografia, di pari passo col processo tecnologico e svolta nella storia dell'uomo.

Foto di Martin Parr

Da quel momento la produzione fotografica si è diversificata in maniera grandiosa, tant’è che è possibile riconoscere il prodotto di un fotografo da una fotografia vista in giro, perché solo il professionista ha quei dettagli particolari che suscitano quelle determinate sensazioni, o solo lui realizza un tipo di fotografia con un particolare intento.

La metamorfosi della fotografia, di pari passo col processo tecnologico e svolta nella storia dell'uomo.

“Intervention” di David LaChapelle

Non si creano più solo ritratti e paesaggi ma nascono nuove visioni e nuove estetiche, non si rappresenta più la realtà, ma un certo tipo di reale, una visione di una data persona. Dalla fotografia satirica a quella di denuncia, dalla fotografia descrittiva e paesaggistica a quella di composizione: ogni occhio dietro la macchina dà la propria impronta in maniera decisa e riconoscibile, facendo la differenza tra chi fotografa perché ha i mezzi e chi perché ha la passione nel sangue.

Uno stesso soggetto può diventare migliaia di cose differenti a seconda del fotografo e una foto può diventare migliaia di cose differenti a seconda di chi guarda.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.