fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

News

La metà delle allergie alimentari sono immaginarie

today11 Gennaio 2019

Background

Stando ad uno studio condotto in America su oltre 40mila adulti, la metà di quelli che denunciano un’allergia alimentare è in realtà “sano”, in quanto i disturbi descritti non vengono, di fatto, suffragati da nessun sintomo effettivo. Tra questi, solo il 50% aveva effettuato seri accertamenti medici, mentre la restante parte non aveva ricercato alcuna diagnosi confermativa.
Per di più, sembra piuttosto diffusa la cattiva abitudine di farsi prescrivere, a fronte delle suddette allergie fantasma, la sostanza più utilizzata per prevenire gli shock anafilattici, l’adrenalina.

Basandoci inoltre sui dati pubblicati dalla rivista JAMA Network Open, il 10% della popolazione adulta americana, numero in crescita, possiede o sviluppa con l’avanzare dell’età allergie alimentari, mentre a percepire questo tipo di limitazione al consumo dei cibi è il 19%, per l’appunto quasi il doppio di essi.

Insomma, le considerazioni finali più rilevanti sono due: la prima, è che il numero di allergie alimentari sviluppate successivamente sta subendo un incremento che va studiato ed osservato così da aprire nuovi campi verso la prevenzione; la seconda, è che in generale vi è poca consapevolezza nell’ambito di questo tipo di limitazioni di cui un organismo può come non può soffrire, e questo alle volte porta ad una eccessiva leggerezza nell’assunzione di farmaci o nella rinuncia di importanti nutrienti di cui ogni individuo ha bisogno, un comportamento che va contrastato attraverso l’istruzione ad ampio spettro della comunità.

Written by: Veronica Di Sero

Previous post

oceano

News

Riscaldamento globale, gli oceani potrebbero tornare quelli di 14 milioni di anni fa

Dati alla mano: a partire dall'inizio della rivoluzione industriale, l'utilizzo incontrollato di combustibili fossili ha provocato, oltre al resto, l'immissione di oltre 525 miliardi di tonnellate di CO2 negli oceani. Le ulteriori misurazioni effettuate dagli scienziati nell'ultimo periodo non lasciano spazio ad alcuna speranza: di questo passo, il valore di PH di questi immensi bacini di biodiversità si abbasserà così tanto e in così poco tempo, che la vita delle creature marine, […]

today11 Gennaio 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%