fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Cultura

La cupola misteriosa

today16 Gennaio 2020

Background

Durante la lettura si consiglia l’ascolto del brano: “Ambient 1: Music for Airports – Brian Eno”

Seicento sono gli anni dall’inizio della costruzione di una delle opere in muratura più alte e misteriose del mondo: la cupola di Santa Maria del Fiore di Firenze.

La sua costruzione fu commissionata a Filippo Brunelleschi il 16 aprile 1420 ed il 7 agosto dello stesso anno ne iniziò la costruzione che durò sedici lunghi anni.

L’impresa aveva numerose avversità da affrontare che portarono grandi studi da parte del maestro: innanzitutto Brunelleschi doveva conformare lo stile della cupola a quello gotico della chiesa, probabilmente la cosa più semplice, dopodiché si dovette confrontare con l’impossibilità di utilizzare impalcature in legno che sostenessero l’opera durante la costruzione, e con la base a ottagono irregolare.

Le tecniche che ideò Brunelleschi per la realizzazione di tale costruzione sono ancora oggi ignote, anche perché non poteva basarsi sulle conoscenze architettoniche romane, andate perdute; difatti, si basò su un sistema di corde molto complesso. Il risultato fu una cupola autoportante, costituita da due calotte, una interna ripartita da sedici costoloni in marmo bianco ed una esterna divisa da sei. Il sistema di corde probabilmente diceva dove posizionare ogni singolo mattone, disposti a spina di pesce nella cupola interna, tanto che si alzava di soli trenta centimetri al mese.

Il genio dell’artista si riscontrava anche in piccole sottigliezze quali un sistema di “catering” che portava il pranzo agli operai in cima all’opera in costruzione così da ottimizzare i tempi di lavoro.

Il risultato del lavoro fu la cupola perfettamente intatta che possiamo ammirare ancora oggi, nonostante il tempo trascorso, indipendentemente da tutte le persone che la attraversano per visitare la lanterna che la sormonta e godersi lo skyline di Firenze.

Incredibili, vero, le opere meravigliose che l’essere umano può creare?

Written by: Aurora Vendittelli

Previous post

Musica

I Can’t Explain: primo singolo degli Who

Durante la lettura si consiglia l'ascolto del brano: "I Can't Explain - Who" https://m.youtube.com/watch?v=IHDCcQO3cwg Il 15 gennaio 1965 gli Who pubblicavano in Regno Unito il loro primo singolo, I Can't Explain, che raggiunse la posizione numero 8 della classifica. La rivista Rolling Stone l’ha inserita al numero 372 nella classifica delle 500 migliori canzoni di tutti i tempi. Scritta dal chitarrista Pete Townshend quando aveva 18 anni, la canzone tratta […]

today15 Gennaio 2020

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%