fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

  • cover play_arrow

    MARCHIO DI FABBRICA 29/04/21 Giorgio

News

Il tè al formaggio è in lizza per aggiudicarsi il podio tra le tendenze culinarie del 2019

today9 Gennaio 2019

Background
share close

Secondo la critica enogastronomica del New York Times, sarà il tè al formaggio (Cheese Tea) una delle tendenze più in voga dell’anno: ancora attualmente raro da trovare nel mercato europeo, negli States questa particolarissima tipologia di tè è una delle scoperte più apprezzate dell’ultimo periodo.

Se fidarsi del gusto culinario statunitense non è proprio un consiglio da tenere in considerazione, bisogna immediatamente ricredersi appena si legge il paese di provenienza di questa strana, ma a quanto pare gustosa, bevanda: Taiwan.
Nato nella piccola nazione insulare nel 2010, il tè si è sempre più diffuso in Cina, e successivamente anche in America.

Secondo alcune ricette, il tè andrebbe freddo, secondo altre invece caldo, per altre ancora dovrebbe essere verde, oppure nero; sul formaggio almeno si hanno più certezze: la regola da non disobbedire mai vuole che sia sempre fresco.

Originariamente a Taiwan, gli chef ricorrevano al formaggio in polvere, anche se oggi la scelta è piuttosto libera: ad esempio, a San Francisco si può richiedere un tè verde con limone e una panna (salata) montata al mascarpone.

Anche in Italia è sorprendentemente possibile assaggiare questa prelibata bevanda, basta recarsi allo Chateau Dufan di Milano:

Proponiamo il cheese tea da un paio di anni. Le nostre due ricette prevedono l’utilizzo di earl grey o tè oolong, a cui aggiungiamo una panna montata con la ricotta. Sopra è possibile poi aggiungere cookie oppure biscotti Oreo, in pieno stile americano.

Sorprendentemente, più che ad un fatto di abitudine, che sicuramente ha la sua non indifferente influenza, gli italiani che entrano alla gelateria tendono ad evitare la bevande per i latticini:

Il 10% di quelli che lo provano è italiano; il resto è asiatico, cinese e filippino in particolare. Ciò è maggiormente dovuto alla tendenza del rifiutare tutto ciò che è latticino. Lo notiamo anche con i cappuccini; circa il 30% dei nostri clienti ormai ci chiede il latte di soia.

Written by: Giulia Maurizi

Rate it

Previous post

A Firenze viene usato per la seconda volta il laser che toglie le scritte dai muri

Cultura

Firenze: mai più scritte sui monumenti grazie ad un laser di alta tecnologia

Lo scorso 7 gennaio è stato utilizzato, presso il Ponte Vecchio di Firenze, il laser Blaster 50W, realizzato dal Gruppo El.En, tra i leader mondiali nel settore per il restauro delle opere d'arte. Il costo del prodotto si aggira attorno ai 60 mila euro, giustificati dall'importanza del suo ruolo: si tratta di una tecnologia particolarmente innovativa, donata dall’azienda agli Angeli del Bello, che ha la funzione di rimuovere le scritte […]

today9 Gennaio 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%