fbpx

Young

Premi PLAY per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista


I robot umanoidi sbarcano negli ospedali

Scritto da il 24 Gennaio 2019

L’intelligenza artificiale e i robot umanoidi approdano in ospedale per aiutare i pazienti e assistere i medici nelle diagnosi. La sperimentazione pilota ha avuto luogo a novembre nella Casa Sollievo della Sofferenza di Giovanni Rotondo a Foggia, ma ad aprile ne partirà un’altra di 2-3 anni nello stesso istituto, e anche in alcuni ospedali italiani e francesi.

I robot sono due: R1, che accompagnerà i pazienti a fare gli esami e proverà a capirne emozioni e condizioni fisiche per effettuare una prima diagnosi, e Pepper, che invece monitorerà le stanze per avvertire di possibili emergenze. 

La ricerca è nata dalla collaborazione dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova (Iit) con le aziende Konica Minolta Europe e la giapponese Softbank.

Gli ospedali ci hanno detto che non hanno forza lavoro sufficiente per fare ronde continue nelle stanze e accompagnare i pazienti a fare gli esami. Per queste attività non serve personale specializzato, ma un robot può essere molto utile.

Francesco Puja

I robot sono quasi umani in tutto e per tutto: sono in grado di riconoscere oggetti e persone e di interagire con loro, al fine di comprenderne i comportamenti per muoversi tranquillamente nell’ospedale.

I due sono stati già soggetti a un test nel reparto di geriatria e si distinguono per caratteristiche diverse: infatti, mentre R1 è un robot di ricerca, Pepper è già un prodotto utile per il commercio.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.