fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

News

I “bigliettini” sono stati soppiantati da Google Docs

today15 Marzo 2019

Background

Tutti coloro ai quali è mai capitato di andare impreparati a scuola, magari prima di una verifica, sanno di cosa stiamo parlando: quando non c’è stato sufficiente tempo o voglia di studiare si è sempre sperato in un “deus ex machina” sotto forma di bigliettino, magari passato dal secchione della classe. Al giorno d’oggi, negli Stati Uniti, questa pratica da condannare è stata sostituita da uno strumento digitale, Google Docs.

La cosa suona strana per un semplice motivo: perché utilizzare una piattaforma inusuale quando sistemi come Whatsapp, Messenger e Direct sono fatti appositamente per questo? Presto detto: molti insegnanti fanno utilizzare Google Docs ai propri studenti per svolgere esercizi in cooperazione e per aiutarli a seguire il piano delle lezioni.

Gli alunni non hanno perso l’occasione e di sfruttare a proprio vantaggio la situazione, attraverso la live chat del programma. I più astuti impiegano addirittura un foglio di lavoro come chat, utilizzando ognuno un carattere diverso, così da riuscire a collaborare sotto gli occhi degli insegnanti, ignari di tutto. Una pratica geniale ma senza dubbio deplorevole, perché l’unico metodo efficace per andare bene alle verifiche è studiare con serietà.

Questo è un sistema molto utilizzato anche per eludere il divieto dei genitori di utilizzare i social: creando il solito foglio di lavoro, i ragazzi comunicano tra di loro mentre i genitori sono convinti che in realtà stiano lavorando a qualche progetto scolastico.

Questa vicenda riapre un dibattito vecchio quanto il mondo: Google Docs è uno strumento utile, ingegnoso e completamente gratuito, che però viene utilizzato male dagli studenti. Dove sta quindi il problema: nello strumento, o in chi lo usa?

Written by: Pasquale Pollinzi

Previous post

dormire

News

Giornata mondiale del sonno: a ciascuno il suo

"Dormire bene per invecchiare bene", questo lo slogan della Giornata mondiale del sonno che ricorre proprio oggi, 15 Marzo, per riportare alla mente di ognuno l'importanza di qualcosa per natura irrinunciabile, ma che sempre di più viene manipolato, evitato, alterato da uno stile di vita frenetico, sregolato, troppo proiettato verso l'esterno. Come è già stato ribadito da decine di autorevoli studi, per vivere in buona salute e benessere, sia fisico […]

today15 Marzo 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%