fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Cultura

Highway 61 revisited

today30 Agosto 2019

Background

Correva l’anno 1965, era il 30 Agosto e Bob Dylan pubblicava l’album Highway 61 revisited.

L’album che lo ha consacrato alla storia della musica popolare americana nasce da un periodo di insoddisfazioni. Dylan voleva smettere di fare musica: l’immagine del cantante folk impegnato non lo rappresentava più:

Suonavo canzoni che non volevo suonare, cantavo parole che non volevo più cantare.

Da quell’insofferenza cresce la voglia di raccontare il blues, e infatti Highway 61, la strada da cui prende nome l’album, era detta Blues Highway.

La strada parte dal confine con il Canada, attraversa il Minnesota passando proprio per Duluth, la città natale di Dylan, poi attraversa tutti gli States da nord a sud seguendo il corso del Mississipi fino al delta dove il blues ha le sue radici e termina a New Orleans, Louisiana. Non a caso è proprio il viaggio nelle radici della musica americana che Dylan vuole rappresentare.

Nell’omonima canzone, la strada diventa posto di sogni, ideali, un luogo di libertà in cui le persone fuggono per non affrontare le responsabilità della vita reale.

La libertà è declinata nella forma più pura in Like a Rolling Stone, in cui l’ideale di felicità diventa rinunciare a tutto per vivere all’altezza dei propri desideri. E l’unica strada che profila Dylan per vivere nella vera libertà è spogliarsi di quelle certezze e rischiare tutto perché “when you got nothing, you got nothing to lose”.

Poi con Just like Tom Thumb’s blues, probabile traduzione della poesia Ma Bohème di Rimbaud, si entra nel vivo del topos della strada tra donne affamate, alcol, delusioni, la ricerca della fortuna e della fama.

Ballad of a thin man e le sue assurde metafore è una risposta, dirà il cantante, a tutti coloro a cui “non facevo altro che fare domande, ma la vita di una persona dovrebbe parlare da sola, no?”. Infatti nel ritornello canta “Perché sta succedendo qualcosa e tu non sai cos’é, vero Mr Jones?

L’album si chiude con Desolation Row nella cui atmosfera surreale si destreggiano figure di personaggi storici e letterari, protagonisti di libri che vivono in un mondo che rinnega il loro volto e devono inventare quindi facce nuove e un altro nome.

Con questo album Dylan era riuscito a fondere Rock e Folk, due generi che sembravano inconciliabili dato che il rock fino a quel momento non aveva mai riflettuto la realtà della vita.

Dylan era pronto a fare la storia della musica.

Written by: Federica Ferrazza

Previous post

News

Wine painting, i quadri fatti con il Barolo

Dalla macchia si origina il processo creativo che da vita all’opera d’arte finale. È una tecnica che rispetta appieno la natura del vino e ne evidenzia la ricchezza espressiva del colore. Rita Barbero Rita Barbero, in arte PurpleRyta, ha iniziato la sua carriera d’artista per gioco nel 2015, quando un amico le ha proposto di decorare le sale di un’enoteca delle Langhe. È stato proprio così che ha sperimentato per la […]

today30 Agosto 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%