fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young ASCOLTA LA DIRETTA

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Cultura

“Hello, I’m Johnny Cash” icona della musica country

today12 Settembre 2020

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Folsom Prison Blues” – Johnny Cash

Johnny Cash è stato un cantautore, un chitarrista e un attore statunitense. Da sempre figura tra le più̀ importanti della musica country. È nato nel 1932 con sangue indiano nelle vene da una numerosa famiglia di contadini dell’Arkansas e ci ha lasciati il 12 settembre 2003.

La sua storia inizia dai campi di cotone durante la Grande depressione, poi un tragico incidente: la morte del fratello Jack. Successivamente le vette della popolarità, è arrivato a vendere ben 50 milioni di dischi. Poi il buco nero della droga lo ha trascinato nell’insicurezza e nella disperazione.

La sua vita è ricca di materiale da poter creare racconti e film. Persino il suo abbigliamento è diventato iconico, una sola parola: nero. Venne soprannominato “The Man in Black” per il suo look. Vestiva il nero per scaramanzia: alla sua prima esibizione indossò una maglietta e dei jeans neri e da allora quella diventò la sua divisa.

Johnny Cash
Johnny Cash in concerto

Johnny Cash si appassionò alla musica attraverso i canti in chiesa e l’ascolto del country alla radio. Prese una sola lezione di canto in tutta la sua vita e imparò a suonare la chitarra da autodidatta. Un genio, chissà? Sicuramente aveva un buon fiuto per gli affari: la sua prima chitarra la comprò a Berlino per venti marchi, oggi 10 euro.

Uno degli eventi più significativi della sua carriera avvenne il 13 gennaio del 1968. In un anno in cui l’America fu scossa da due morti importanti, quella di Luther King e quella di Robert Francis Kennedy, Johnny Cash mise la sua firma nel libro della storia della musica. Decise di fare un live presso il carcere di massima sicurezza, il Folsom in California.

In un periodo storico e sociale come quello del 1968 fare un evento in un luogo del genere e per pubblico avere i detenuti, lo espose a molte critiche da parte dell’opinione pubblica, ma nonostante questo la sua idea passò alla storia come uno degli avvenimenti più significativi ed indelebili non solo per la musica, ma anche per i valori dell’uomo.

Il suo ritratto tenero e dolente, la sua musica struggente ed evocativa sono amati ad ogni età e in tutto il mondo.

Written by: Francesca Lequaglie

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%