fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Cinema e TV

Handsome Devil, l’importanza di essere sé stessi

today7 Dicembre 2020

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura : “Handsome Devil” – The Smiths

Handsome Devil
Locandina Film

Handsome Devil è un film di Netflix del 2016 diretto da John Butler e ambientato a Dublino.

Ned -Fionn O’Shea- è un mingherlino ragazzo irlandese, un pesce fuor d’acqua perché omosessuale e perché affatto interessato al rugby, sport nazionale che tiene anche unita la scuola.

Ma a lui non interessa lo sport, gli interessa la musica, è pigro e non bene integrato. Ha un pensiero fisso: quanto ci metto a farmi espellere e cosa posso fare?

Questa domanda viene spazzata via dall’arrivo del suo compagno di stanza, un giocatore di rugby con un piccolo grande segreto. La relazione tra i due inizia con, letteralmente, il Muro di Berlino costruito con i mobili.

Ned e Conor sono più simili di quanto si pensi, seppur così diversi, e ciò fa nascere una gran bella amicizia con qualche difficoltà.

Le vicende sono narrate dalla voce fuori campo di Ned e girano attorno alla frase del nuovo professore di letteratura:

Spendete tutta la vita ad essere qualcun altro e nel mentre chi sarà voi?

L’importanza di essere noi stessi è il punto focale del film che insegna ad accettare le differenze e a comprendere gli altri.

Handsome Devil
Conor e Ned

Certo, essere se stessi è una delle cose più importanti, ma spesso non è facile riuscirci.

Come in Tuo, Simon l’essere se stessi, l’importanza del coming out e la pressione dei compagni sono temi centrali, che spaventano e rimandano a non finire il momento in cui si trova il coraggio di mostrare se stessi.

Ve lo siete mai chiesto?

Chi siete?

Un nome non basta di certo a definirvi, ma allora cosa basta?

La risposta a queste domande è solo dentro di noi e si può trovare solo dopo un’attenta e profonda analisi… ma siamo abbastanza coraggiosi da accettare ciò che troveremo?

Voi cosa ne pensate?

Written by: Aurora Vendittelli

Previous post

Noam Chomsky

Cultura

Noam Chomsky: linguistica e persuasione

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: "Noam Chomsky is a soft revolution" - Foy Vance Noam Chomsky spegne oggi 92 candeline. Pensatore insigne e poliedrico, è stato l'iniziatore di un nuovo filone della ricerca linguistica: la grammatica generativo-transformazionale. Molto sensibile ai temi sociali e politici, ha criticato aspramente il ruolo dei mass media nel restringere l'agibilità politica delle frazioni più critiche del paradigma neoliberista che si è affermato, prima in […]

today7 Dicembre 2020

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%