fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

YCB

Fronteretro: Griet è il dettaglio

today10 Ottobre 2022

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Body Paint” – Arctic Monkeys

Una sola pennellata o dettaglio possono cambiare radicalmente l’intero dipinto; lo sa bene Tracy Chevalier, autrice del libro “Girl With a Pearl Earring” da cui è tratto l’omonimo film.

Perché non vi ho detto una cosa nell’altro articolo: il film, tutto sospiri e sguardi, di cui vi ho parlato è, in realtà, la trasposizione cinematografica di un libro acclamatissimo dalla critica per i suoi dettagli.

E se è vero che il cinema “è il modo più diretto per entrare in competizione con Dio”, come disse Fellini, è anche vero che in un’ora e 40 minuti potrebbero non entrare tutti i dettagli necessari a completare l’opera: voglio rendere giustizia alla protagonista.

Olio su tela

Griet è un personaggio complesso, una grande appassionata d’arte.

“Me lo ricordavo bene, ricordavo di aver pensato di essere stata proprio in quel posto tante volte e di non aver mai visto Delft nel modo in cui l’aveva vista il pittore”
– Griet, “Girl With a Pearl Earring”

 Il motivo per cui Vermeer, il pittore presso cui lavora, si interessa a lei è proprio la sua sensibilità ai colori: già da subito, Griet dimostra di avere un innato senso estetico per l’accostamento dei colori e di aver spesso contemplato dipinti dei grandi artisti olandesi.

Questo, nel film, non solo non si capisce, ma non viene neanche fatto un cenno a suo padre artista

I pennelli, gli strumenti di un pittore

Occhi parlanti

Griet è un personaggio complesso, una figlia sensibile e amorevole.

“Le cavità oculari di papà si ingrandirono, come se avesse avuto ancora gli occhi e stesse guardando di nuovo il dipinto.”
– Griet, “Girl With a Pearl Earring”

Si capisce dalla citazione: il papà di Griet è diventato cieco lavorando e non può più mantenere moglie e figlie. 

Così, lei si ritrova costretta a lavorare, ma porta con sé una capacità acquisita grazie al padre: quella di descrivere qualsiasi opera d’arte nei minimi dettagli

Era diventata i suoi occhi, pronti a narrare ogni nuovo dipinto, a rallegrare un povero anziano nei momenti più bui. 

La cera è cera

Griet è un personaggio complesso, una ragazza intelligente che va oltre le differenze.

“ Lei [mia madre] mi diede […] un libro di preghiere da leggere quando avessi avuto bisogno di fuggire dal cattolicesimo intorno a me.”
– Griet, “Girl With a Pearl Earring”

La sua famiglia è protestante, quella di Vermeer cattolica; due categorie che non sono mai andate troppo d’accordo, ma nel 1600 era molto peggio. 

Griet non ci fa caso: rispetta le differenze della famiglia presso cui vive e non li giudica, a differenza di sua madre. 

É lei a notare che le candele in chiesa sono solo candele, non esiste cera protestante o cattolica. Tutti pregano davanti alle stesse candele e tutti cercano la stessa cosa. 

Candele in chiesa

Griet è un personaggio talmente pieno di personalità da non entrare tutto in un articolo.

Anche perché, quello che vi ho detto, è nelle sole prime 8 pagine del libro…

Scritto da: Alice 5D

Written by: Aurora Vendittelli

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%