fbpx

Erasmus: cosa c’è da sapere

Scritto da il 14 Settembre 2019

Nascita ed evoluzione del progetto dell’UE per la mobilità internazionale universitaria

Negli ultimi tempi si è parlato molto di “area Shengen” e della libertà di circolazione all’interno dell’Unione Europea. Quella che adesso sembra essere diventata una minaccia per la stabilità dei paesi dell’UE in realtà è una grande opportunità di sviluppo per diverse categorie, come è stato il progetto Erasmus per gli studenti universitari.

Ma cos’è Erasmus di preciso? L’acronimo sta per European Region Action Scheme for the Mobility of University Students e rappresenta l’opportunità per tutti gli studenti accademici dell’Unione di concedersi un periodo di studio all’estero, anche per chi non può permetterselo.

Nato nel 1987 ad opera di Sofia Corradi e sotto la supervisione della Commissione Europea, si pone come obiettivo la mobilità internazionale degli studenti, come mezzo di interazione tra le diverse culture e apertura al dialogo tra i popoli.

Dal 2014 il progetto ha preso il nome di Erasmus+ per via delle nuove finalità assunte: un primo livello per lo studente, che completa la sua formazione accademica arricchendo il suo bagaglio, e un secondo livello che riguarda la cooperazione tra università. Le possibilità offerte agli studenti sono due: l’outgoing classico, dove gli studenti frequentano le lezioni e sostengo gli esami in maniera classica, e la trainership, dove lo studente effettua un periodo di tirocinio (solitamente di 3 mesi) in una struttura ricettiva convenzionata con un ateneo straniero.

In ogni caso, qualsiasi sia l’ambito di applicazione, al progetto Erasmus va il merito di aver creato una generazione di studenti internazionali e di aver reso l’Unione Europea un unico enorme campus.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Young

Premi PLAY per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista