fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Musica

È tutto il resto: il curioso caso dei Selton

today29 Aprile 2021

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Benvenuti” – Selton

Il fil-rouge di oggi è la parola assetato, la diretta conseguenza del caldo. Anche se ora come ora l’estate è solo un sogno di cartolina. I singoli da spiaggia si stanno lentamente insinuando nei palinsesti, ma c’è chi gira ancora con il maglione perché “con 10 gradi fa freddo”. La parola d’ordine del meteo d’Aprile è stata solo una: inverno. La primavera non è pervenuta. Ma in attesa che i soliti nomi da hit parade vengano scongelati, i Selton danno a tutti il benvenuto nel loro mondo tropicale di colori e contaminazioni. 

Video musicale

Lontani dagli stereotipi ammiccanti che per qualche ragione vogliono che il sud del mondo suoni in modo tutto uguale, il trio brasiliano trapiantato a Milano porta un ibrido tra pop e bossanova. Un italiano che suona diverso, sia per l’accento che per l’approccio ai testi. Già dalle premesse è un cortocircuito totale, un affronto alla sacra italianità che mette in disparte chi ha un cognome straniero. Verrebbe però da chiedersi cosa significhi davvero essere italiani, se poi in estate si scimmiottano ritmi latineggianti che appiattiscono la varietà musicale di quei luoghi. 

Selton
I Selton

I Selton sono un melting pot vivente che racconta con il sorriso la realtà dell’ipocrisia italiana ed invitano ad accogliere l’umanità tutta, anche gli indifferenti. Se c’è apertura e tolleranza reciproca, forse si diventa persone migliori. Intanto tutti sono benvenuti: c’è samba, pizza, bossa e agonia. Ma non vuol dire che nessuno sia esente da critiche. Benvenuti parte con un attacco di trombe: un brano pronto a suonare nei migliori porti del paese. 

Benvenuto a chi raggira e a chi fa soldi puliti

A chi paga le tasse, a chi è oppresso e anche a chi opprime

Benvenuto a chi tace davanti al male, a chi è venuto in pace

Benvenuti è una dichiarazione d’intenti di una band che tra allegria e serenità da festa in spiaggia non risparmia nessuno. Alla fine c’è posto davvero per tutti, visto che i paesi non sono che confini tracciati arbitrariamente dalla storia, e difenderli dai presunti invasori non ha molto senso. A ragion venduta in uno stato che ha solo 150 anni, siamo tutti un po’ stranieri rispetto al vicino di casa. Tanto vale ballarci sull’ipocrisia, sorridere, e lasciare la porta aperta quando ci saranno gli estremi per il dialogo. 

Nel sound dei Selton tradizione e ritmi brasiliani si uniscono per creare una musica che ha radici ovunque e in nessun luogo. Perché l’unica vera casa è il mondo intero, anche se spesso più che aprire le braccia chiude le porte in faccia. La band prende atto della realtà che li circonda sempre ma in maniera leggera, con ironia, per creare un manifesto di umanità che va oltre campari e capoeira. 

Italiano, brasiliano, essere umano
Cuore pulsante col destino tracciato dalle frontiere storte disegnate a mano

Brasiliani trapiantati in Italia che con l’allegria da pezzo dell’estate ci mettono davanti ad uno specchio: il riflesso è un po’ bruttino. Ma per chi lo accetta, la casa dei Selton è aperta a tutti. Anche a Bolsonaro? Beh, il mondo è uno: si dovrà pur trovare un modo di dividerlo con lui, come dicono loro.

Leggi anche – È tutto il resto: Dark Side of The Moon, l’empatia invecchia bene

 

Written by: Mariahelena Rodriguez

Previous post

Musica

Elephant Brain: quando tutto questo finirà, il rock tornerà a suonare

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: "Quando finirà" - Elephant Brain La musica non muore mai. Può fare giri lunghissimi, ma prima o poi ritorna nelle nostre vite. In una veste diversa, aggiornata, ma sempre e comunque con qualcosa da dire. Lo sanno bene gli Elephant Brain, rock band umbra che ha aperto concerti di band come Zen Circus e i Ministri. Cinque anni dopo il loro EP di debutto […]

today28 Aprile 2021

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%