fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

  • cover play_arrow

    MARCHIO DI FABBRICA 29/04/21 Giorgio

News

E tu, quanti seguaci hai? Arriva a Milano il Sushi in cui si paga in Followers

today25 Gennaio 2019

Background
share close

Ogni anno che si rispetti è caratterizzato da hobby e attività di svago sempre differenti. Nonostante il 2019 sia cominciato nemmeno da un mese, si può affermare con certezza che sono almeno due i trend ancora in cima alla lista: la vera e propria passione degli Italiani per il Sushi e l’attrazione per gli apprezzamenti ricevuti sui Social Network. Un locale milanese ha sapientemente coniugato le due cose: è arrivato il ristorante in cui il conto si paga in Followers!

A quale appassionato di cucina giapponese non piacerebbe potersi gustare sushi, zuppe di misto, ravioli e gamberoni senza spendere un euro? Da oggi il sogno puo’ diventare realtà, ma si sa: ogni medaglia ha anche un lato rovesciato, e il prezzo da pagare in questo caso, anche se non centra con le banconote, ha davvero del bizzarro.

Attenzione, attenzione: questa non è un’esercitazione. Ci troviamo a Milano, in via Lazzaro Papi. Il locale in questione si chiama “This Is Not a Sushi Bar“, e il suo appellativo non poteva essere più azzeccato di così. Infatti, non si tratta affatto di un semplice punto ristoro caro a Milanesi e non, ma c’è dell’altro: è proprio quel quid in più gli ha portato una grande notorietà.

Pagare il pasto in numero di Followers posseduti su Instagram non è un’impresa impossibile, ma nemmeno accessibile a tutti. La condizione è quella di avere più di 1000 Followers, postare un’immagine che ritragga il locale o noi stessi con le pietanze e il gioco è fatto. Naturalmente, il tutto accompagnato da hashtag e mention in stile #thisisnotasushibar: solo così si avrà diritto a un piatto gratuito.

I dettagli sono stati curati in ogni loro minimo particolare, tanto che il locale ha realizzato una tabella di scambio assai precisa, che arriva a comprendere l’intero pasto: si parte con un piatto denominato “Instagram star” se si va dai 1000 ai 5000 Followers, a due piatti fino a 10k, sino a giungere a “offriamo tutto noi” se si hanno ben 100k Followers!

Il risultato, parola dei proprietari, si è rivelato un successone. Grazie a pranzi e cene offerte a 133 influencer, i post del locale hanno raggiunto 7045990 persone, una cifra da assoluto capogiro. Com’era prevedibile e auspicabile, la massiccia presenza sul social network del ristorante ha prodotto impatto positivi anche sugli incassi. Si è infatti aggiunto un 7% al fatturato tra novembre e dicembre 2018.

Forti della buona riuscita di questo primo esperimento, Matteo Pittarello (presidente di This is not) ora sogna in grande: il suo staff ha infatti sapientemente deciso di ampliare quest’offerta anche a locali situati in via Sanzio, Bixio, Conca del Naviglio, Pasubio e Felice Casati. Chissà che questo boom così vantaggioso non giunga fino ad altre città, per poi espandersi a livello internazionale.

Non ci resta che iniziare a considerare diversamente quell’amica o quel parente che su Instagram ottengono likes da capogiro, e perché no, invitarlo fuori a cena. Dopotutto, basterà un telefonino, una foto a Sushi e Sashimi e, per un volta, il portafoglio si sentirà molto più alleggerito!

Written by: Chiara Mezzina

Rate it

Previous post

Vita sulla Terra dopo collisione che ha originato la Luna: nuova teoria

News

Vita sulla Terra dopo collisione che ha originato la Luna: una nuova teoria

La vita sulla Terra sarebbe nata dopo un grosso impatto fra quest’ultima e un corpo celeste con le dimensioni di Marte, Theia, che diverse teorie ritengono essere responsabile della formazione della Luna. Lo scontro si sarebbe verificato circa 4,5 miliardi di anni fa, poco dopo la nascita del Sistema Solare. Questa nuova teoria, ipotizzata da scienziati dei dipartimento di Scienze della Terra, Ambientali e Planetarie presso l’Università Rice di Houston, […]

today24 Gennaio 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%