fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Scienza e Tecnologia

Dormire fuori casa

today10 Aprile 2019

Background
share close

Con l’avvicinarsi dell’estate, si risveglia anche la voglia di prenotare biglietti aerei verso mete lontane. Viaggiare è un’esperienza davvero unica: tuttavia, a volte stare in posti nuovi potrebbe rivelarsi difficile, soprattutto per il nostro sonno.
Andate in viaggio, a casa di amici, in un posto nuovo e vi svegliate la mattina dopo con la sensazione di aver riposato a metà. Mai successo? Forse non è solo una sensazione…

Il sonno è caratterizzato da diverse fasi, associate a specifiche frequenze e onde cerebrali, in cui si distingue il sonno profondo: caratterizzato da onde lente, prevale durante le nostre notti più riposanti. Uno studio pubblicato su Current Biology ha approfondito il “first night effect” analizzando l’attività cerebrale di persone che dormivano nella risonanza magnetica per la prima volta, e comparandola con la notte seguente in un ambiente più familiare.

I risultati hanno mostrato che il default-mode network dell’emisfero sinistro, una serie di regioni interconnesse e associate ai cosiddetti “viaggi mentali” e sogni ad occhi aperti, presentava meno sonno profondo dell’emisfero destro durante la prima notte. E più quest’asimmetria risultava spiccata, più tempo le persone impiegavano per addormentarsi.

Insomma, pare che metà del nostro cervello non dorma profondamente come l’altra metà durante la prima notte di sonno in un posto nuovo. Proprio come per certi animali, tra cui ricordiamo i delfini, potrebbe essere dovuto a una sorta di meccanismo di difesa: addormentati sì, ma pronti a reagire in caso di pericolo. Ed ecco che ci giriamo e rigiriamo in un letto che non è il nostro.

Di Andrea Valitutti

Written by: Veronica Di Sero

Previous post

News

Presentata a Vinitaly la prima cella fotovoltaica prodotta dagli scarti della vinificazione

Se abbiamo imparato qualcosa negli ultimi anni è che davvero qualsiasi cosa può avere una seconda vita e, se vogliamo vincere la sfida dei cambiamenti climatici, dobbiamo riusare di più e sprecare di meno. Quello presentato a Vinitaly in questi giorni non è altro che l'ennesimo passo in questa direzione: parliamo di celle fotovoltaiche create con i residui della vinificazione. Il progetto di nome Cheers è stato portato avanti dall'Università […]

today9 Aprile 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%