fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

YCB

Doisneau: il costruttore di sogni

today25 Agosto 2022

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “La Vie en rose” – Edith Piaf

Per fare una foto fatta bene c’è una regola importantissima da seguire: l’attimo immortalato dalla macchina  deve essere reale, spontaneo, e mai costruito. É sempre stato così e lo è anche oggi. – è vero o no che le foto spontanee sono le più apprezzate?- 

E poi c’era Doisneau, il fotografo costruttore.

Les jeux son faits

Potrei fare una lunga presentazione su Robert Doisneau: potrei parlare della Renault, per cui ha lavorato come fotografo ufficiale per tantissimo tempo; o di Vogue, perché, tra le cose, è stato anche fotografo di moda; delle banlieue, della gente comune, dei ritratti

Potrei farlo, ma basta una foto per farvi accendere una lampadina.

Et voilà:  ecco “il bacio”, opera più famosa – ma non più bella… per quanto stupenda – del fotografo. 

Ed ecco che Doisneau diventa “quello del bacio” anche per chi non ne aveva mai sentito parlare. 

Ma in pochi conoscono la verità che si cela dietro questa foto, né sanno che Doisneau ha fotografato altre meraviglie, nella vita, tra cui le immagini esposte all’Ara Pacis fino al 4 settembre.

Baci rubati e restituiti

Perché, all’epoca, mica ci si baciava così, per strada: era una cosa rara da vedere. Per quanto fosse molto meglio pensare a questa foto come il prodotto di un attimo spontaneo, i due innamorati ritratti, in realtà, erano due attori, ingaggiati da Doisneau per posare in giro per Parigi mentre si baciavano. 

 Per loro non è stato tanto difficile farlo: si frequentavano anche fuori dal teatro per cui lavoravano. Ma per Doisneau, scattare quelle foto significava rompere le regole, per sempre.

Questo non piacquee non piace, neanche adesso – a molti: ma io dico che le sue foto costruite hanno qualcosa di magico.

Felici e contenti? Forse.

“Le fotografie che mi interessano, quelle che trovo riuscite, sono quelle aperte, che non raccontano una storia fino alla fine, ma lasciano allo spettatore di fare, a sua volta, un pezzetto di strada insieme all’immagine […] una specie di trampolino del sogno.”
-Robert Doisneau

Ogni foto è un Bianconiglio che porta ad un Paese delle Meraviglie diverso. E per ottenere questo effetto, ci vuole un’attenzione particolare, quasi da pittore, che punta alla ricerca dell’angolo giusto, della luce giusta, del modello e del gesto giusto.

Che anche se non è spontaneo, anche se avesse chiesto a qualcuno di farlo a posta: ci vuole esperienza e personalità artistica per riuscire a costruirne uno e farlo sembrare vero, senza dimenticarsi che la foto deve anche essere bella. – provate a farlo e poi ne riparliamo…- 

Come un pittore

Aspettare, timidamente, costruendosi un mondo migliore, rendendolo possibile.

“Quello che cercavo di mostrare era un mondo in cui mi sentivo a mio agio, in cui le persone erano gentili e dove potevo trovare la tenerezza che desideravo ricevere. Le mie foto erano una prova del fatto che quel mondo può esistere.”
-Robert Doisneau

Questo ha fatto il nostro costruttore, creando le sue regole. Un po’ come il protagonista di questo ritratto: quelli che rompono le convenzioni vanno sempre d’accordo.

Pablo Picasso in un ritratto di Doisneau.

Scritto da: Alice 5D

Written by: Aurora Vendittelli

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%