fbpx

Young

Premi PLAY per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista


Cura naturale dei capelli – tre alternative allo shampoo

Scritto da il 24 Settembre 2020

Soundtrack consigliata per la lettura: “Belli Capelli” – De Gregori

C’è chi inizia per curiosità e chi per necessità, chi per cercare di diminuire l’impatto inquinante dei saponi e degli shampoo: il passaggio ai prodotti naturali sta aumentando in tutto il Paese.

I risultati per i capelli e per la pelle non tardano ad arrivare, ma quali sono le alternative allo shampoo? In verità sono tantissime e variano a seconda della cute o del tipo di capello da trattare.

Farina di Ceci

shampoo capelli
ceci

Uno dei metodi più usati è la farina di ceci. Oltre ad essere facilmente reperibile, infatti, questa farina contiene due elementi interessanti per la cura dei capelli.

Le saponine presenti nei ceci sono ottime per detergere la lunghezza, ma non solo. La capacità assorbente della farina aiuta a rimuovere impurità e sebo dalla cute che saranno eliminate da un semplice risciacquo.

Preparare il composto lavante è facilissimo: con 3-4 cucchiai di farina e dell’acqua calda si ottiene una pastella da applicare sulla testa. La consistenza della farina aiuta ad ottenere un effetto scrub sulla cute. Data la natura esclusivamente lavante di questo metodo, è consigliabile applicare balsamo o maschera sulla lunghezza dopo il risciacquo!

Cowash – conditioner only wash

Perfetto per i capelli ricci e per i lavaggi frequenti, il cowash permette di lavare i capelli eliminando l’uso dello shampoo. Oltre ai vari cowash che si trovano in commercio, prepararlo in casa è molto semplice. Basta emulsionare una maschera o un balsamo – rigorosamente bio – con due cucchiai di zucchero di canna – preferibilmente poco raffinato – per ottenere un’alternativa allo shampoo validissima. Si possono aggiungere vari ingredienti al cowash, come bicarbonato e olio tea-tree per capelli grassi, miele, gel d’aloe, olio di karité per capelli secchi.

Sidr – henné neutro

shampoo capelli
Sidr

Ultimo ma non meno importante è il Sidr o henné neutro. Quest’erba, oltre a sostituire lo shampoo, è utilissima per combattere la forfora, purificare e volumizzare i capelli. La polvere di sidr va idratata con l’acqua fredda e lasciata riposare per circa 10 minuti, applicata sui capelli umidi e tenuta in posa almeno 30 minuti. Oltre alle proprietà già elencate, il Sidr è ricco di mucillagini: se l’impacco risulta viscido, quindi, non c’è da aver paura! E’ proprio questo elemento a rendere gli impacchi di Sidr idranti e sopratutto in grado di combattere eczemi, irritazioni e dermatiti. Purtroppo le saponine contenute nel Sidr sono ittiotossiche, anche se non ai livelli di un prodotto industriale non bio. L’uso delle erbe sfuse, però, elimina del tutto l’uso di contenitori in plastica, motivo per cui sono una perfetta alternativa allo shampoo sintetico.

Taggato come

Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Leggi