fbpx

Young

Premi PLAY per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista


Come nasce uno stereotipo

Scritto da il 3 Aprile 2019

Sui treni, negli aerei, per strada: gli insulti razzisti sono purtroppo all’ordine del giorno, dettati da pregiudizi e stereotipi, rafforzati da contesti socioculturali vari e alle volte difficili da gestire.

Questi stereotipi, spesso implicitamente parte di noi, riflettono associazioni concettuali tra gruppi sociali (es., “neri”) e attributi (es., “delinquenti”), che si rifanno alle nostre conoscenze generali sul mondo. Il lobo temporale anteriore supporta proprio queste conoscenze semantiche su oggetti, persone, parole e fatti.

Studi di stimolazione cerebrale non invasiva hanno provato a interferire con la sua attività grazie alla TMS (stimolazione magnetica transcranica) durante compiti di associazione implicita. I risultati? Iinibire tale regione bilateralmente portava a una diminuzione di associazioni stereotipiche come “Arabo-terrorista / Non arabo-rispettoso della legge” e “uomo-discipline scientifiche / donna-discipline umanistiche”.

Ma non serve certo la scienza a confermare ciò che dentro di noi sappiamo già, che le associazioni positive o negative che facciamo rispetto agli individui o ai fatti non hanno nessun valore assoluto o definitivo: stanno letteralmente solo nella nostra testa, e basta un piccolo campo magnetico per distruggerle.

Di Andrea Valitutti


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.