fbpx

Young

Premi PLAY per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Tracce Indelebili

18:00 18:15

Show attuale

Tracce Indelebili

18:00 18:15


Le ultime 5 canzoni trasmesse:

WHAT'S LOVE GOT TO DO WITH IT

KYGO, TINA TURNER

PRONTI, PARTENZA, VIA!

FABRI FIBRA

CREPE

IRAMA

WAKA WAKA AKA

SHAKIRA

ANCHE SE NON TROVI LE PAROLE

ELISA


Chuck Berry: Rock in giacca e cravatta

Scritto da il 18 Ottobre 2020

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “You Never Can Tell” – Chuck Berry

Tutto ciò che ho scritto non riguardava me, ma le persone che mi ascoltavano – Chuck Berry

Chuck Berry, nato a St.Louis il 18 ottobre del 1926, può essere considerato senza ombra di dubbio il padre del Rock n’ Roll. Inserito al quinto posto nella lista dei 100 migliori artisti redatta da Rolling Stone, Chuck Berry ha avuto il pregio di porre le basi di un genere, quello del Rock, che ancora oggi conta milioni di fan affezionati e che ha accompagnato generazioni di giovani della seconda metà del Novecento durante le rivoluzioni e le grandi conquiste sociali.

Lo stile

Gli inconfondibili riff a inizio brano, i testi che raccontano una storia di riscatto e ribellione, l’attitudine, l’esuberanza, perfino i guai con la legge e la galera, Chuck Berry ha impersonato tutte le caratteristiche che vanno a creare l’archetipo, o forse lo stereotipo, della rockstar. Tutto ciò sempre impacchettato in un completo elegante: giacca, cravatta e scarpe lucide. Erano gli anni cinquanta e la gente si vestiva in un certo modo, secondo la moda dell’epoca, come hanno fatto altre icone del rock quali Elvis Presley e Little Richard. Un look del genere ovviamente non deve trarre in inganno, Chuck Berry era una rockstar a tutti gli effetti, e anzi il vestiario, unito ad un’attitudine molto forte e ad una musica scapigliata e ribelle creava una “contraddizione” che agli occhi dei più giovani suscitava quasi fascinazione.

Nel giorno del suo compleanno ricordiamo Chuck Berry, uno dei padri del Rock n' Roll
In this Sept. 2, 1995 file photo, Bruce Springsteen, left , and Chuck Berry laugh as they perform the Berry hit “Johnny B. Goode” at the Concert for the Rock and Roll Hall of Fame in Cleveland. Berry was the opening act of the concert.

I testi

Le caratteristiche di Chuck Berry non si trovano solo nell’atteggiamento, ma anche nei testi delle canzoni, alle volte più simili a poesie, che hanno la capacità di raccontare la vita degli emarginati come fosse quella di un guerriero, una continua lotta contro le ingiustizie, la società, parole che si fanno un urlo selvaggio.

In Johnny B. Goode – gioco di parole tra il nome proprio e la frase che in inglese significa Johnny fai il bravo! – Chuck Berry parla di un ragazzo di campagna, Johnny B. Goode appunto, che non ha mai imparato a scrivere o a leggere bene, ma capace di suonare la chitarra con scioltezza e fluidità, facendolo sembrare semplice. Alla fine del brano la madre, come una profezia, dice al ragazzo che un giorno la gente da tutto il mondo verrà solo per sentirlo suonare. Il riscatto del più povero, del giovane che non ha nulla se non il suo talento. Proprio il chitarrista di St. Louis è stato tra i primi a scrivere testi del genere, capaci di includere i giovani, al tempo i maggiori ascoltatori del Rock n’ Roll.

Duck Walk

Oltre a tutto ciò, Chuck Berry è anche l’inventore di uno dei passi di danza tipici del rock, il Duck Walk, letteralmente la camminata dell’anatra, che sarebbe stata ripresa in futuro da altri artisti come Angus Young, chitarrista degli AC DC.

Non importa quindi quanti sottogeneri esistano oggi nel Rock n’ Roll, Chuck Berry è in ognuno di essi.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.