fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Musica

Bruce Springsteen, gli occhi non mentono!

today23 Settembre 2021

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: ” Letter to you” – Bruce Springsteen

72 anni per Bruce Frederick Joseph Springsteen. “The Boss” per il mondo intero.

Icona indiscussa del Rock americano, sigillo massiccio sulla musica contemporanea come dimostra l’incredibile successo del suo ultimo lavoro, Letter to you pubblicato un anno fa, che ha  sbancato in tutto il mondo. Un disco concreto, da sviscerare brano dopo brano. Ben strutturato, accogliente, di quelli che ti conducono lontano. In quelle lande americane dove Bruce ci ha portati a passeggiare spesso in oltre 40 anni di carriera.

Bruce Springsteen
Bruce Springsteen and the E Street Band, Estadio de Anoeta, Donostia / San Sebastián, 17/V/2016

 

Ma un grande artista ha spesso una componente preziosa che gli “guarda le spalle”. Per gran parte della sua carriera è stato infatti accompagnato dalla E Street Band. Musicisti entusiasti e carismatici che hanno davvero fatto la differenza e non solo in studio. Famosissime le sue coinvolgenti e lunghissime esibizioni dal vivo in cui il Boss e tutta la band, sembrano non voler mai lasciare il palco.

“Ad ogni suo concerto a cui sono andata è successo sempre così. Sembra che non vogliano spezzare il filo che li lega al pubblico. Come una specie di devozione, come una specie di droga!” – Benedetta, grande fan del Boss che ha visto 12 suoi concerti in tutto il mondo

Chi ama il Boss e perchè?

I grandi estimatori di Springsteen hanno le idee ben chiare. Ci sono ragioni specifiche per cui acquistano i suoi dischi a scatola chiusa, con la certezza che saranno sempre e comunque una garanzia assoluta di qualità.

Il motivo principale è la sua poetica che racconta le lotte quotidiane degli “ultimi” d’America. Negli anni ha dato voce a chi normalmente ha poco spazio di parola e quindi ai proletari, agli immigrati, ai diseredati. Proprio in questi giorni abbiamo assistito alla sua esibizione in memoria delle vittime dell’11 settembre a New York.

Sguardo triste, accompagnato solo da armonica e chitarra. La voce commossa, il volto tirato. Proprio lui che con il disco The Rising aveva raccontato la tragedia di quegli attentati.

Altro motivo per cui è molto amato è senza dubbio il suo sostegno a numerose iniziative di carattere sociale e il suo impegno a favore dello sviluppo del suo Stato d’origine, il New Jersey.
Da qui a fare poi il resoconto di tutti i successi inanellati negli anni, il passo è breve. 120 milioni di dischi venduti, infiniti riconoscimenti, tra cui ben venti Grammy e un Oscar oltre all’onorificenza del Kennedy Center Honor, che gli è stata attribuita per il suo contributo alla diffusione della cultura americana nel mondo.

Bruce Springsteen

Ma forse la chiave del suo successo è racchiusa in altro. Guardatelo negli occhi quando canta. Sono occhi limpidi, velati di quella depressione che lo accompagna da anni, segnati da cose che non avrebbe mai voluto vedere. Ma sono occhi schietti che non girano intorno alle cose e dentro i quali si possono leggere con sincerità le stesse storie che canta. Il Boss non addolcisce la pillola, non usa mezze misure, va dritto al cuore di ciò che racconta. E il pubblico gli rende indietro questa onestà con un amore sconfinato.
Quindi oggi più che mai, grazie di tutto questo e… Buon Compleanno, Big Boss!

Written by: Valentina Proietto Scipioni

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%