fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Eventi

Che succede? Bono Vox, in tour senza gli U2

today9 Ottobre 2022

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Surrender” – U2

Bono Vox fa un annuncio a sorpresa. E’ in arrivo una mini-tournée mondiale che toccherà 14 diverse città. Per la prima volta senza gli U2, Bono promette di portare sul palco le storie della sua vita.

Incredibile, ma vero, si esibirà senza la sua band storica. Ma niente paura, non è il preambolo di uno scioglimento. Non ci pensano affatto gli U2 e proseguiranno la loro carriera inossidabile insieme. Il senso di questo nuovo viaggio di Bono ha un sapore più intimo e tale deve restare. Raccontarsi, aprirsi, staccarsi da tutti per parlare in prima persona. Un distacco momentaneo, ma necessario. E non certo per lanciare un nuovo progetto musicale, quanto più per intraprendere un piccolo viaggio letterario. Perché spesso la letteratura può arrivare dove la musica non riesce. Difficile immaginarlo, ma si sa che le cose più intime trovano spesso canali diversi per venir fuori.

bono voxIl giro del mondo

14 capitali in tutto il mondo in cui Bono Vox regalerà non un semplice live, ma delle serate in cui si alterneranno letture e musica, parole e confessioni maliziose, seguendo molto il mood della biografia. Perché le cose fondamentali della sua vita finora sono state solo abbozzate nelle canzoni, come da sua stessa ammissione. Questa esperienza servirà a portare il pubblico nel dettaglio più profondo della sua vita, come un’urgenza forte, tanto che i 40 capitoli del libro stesso portano il nome di 40 canzoni degli U2.

Qualche segreto dal libro?

Di Surrender sono già trapelati degli estratti, in grado di raccontarci un Bono privato e fragile, lontano dal mondo dorato dello showbiz. In quaranta capitoli si ricostruisce la storia di un ragazzo cresciuto nella dura Irlanda degli anni Settanta, un luogo dove era complicato confrontarsi con concetti come quello di “resa” -da qui il titolo del volume-. Bono non si fa problemi a raccontarci la storia del giovane Paul Hewson, segnato dalla scomparsa dell’adorata madre e incapace di esprimere il dolore finché non ha scoperto la musica.

bono vox“Tutto è cominciato con quell’evento, la morte di mia madre. Nella mia mente è diventata un’opera sull’assenza di una donna di nome Iris. La musica arriva per smuovere il silenzio che avvolge una casa e i tre uomini che la abitano, di cui uno è solo un ragazzino.”

Bono Vox ricorda il padre Bob e suo fratello Norman ma pure la loro incapacità nel ricordare insieme la donna che avevano più amato, dopo la sua scomparsa. Più avanti Bono avrebbe espresso tutto quell’amore e quel dolore a lungo nascosto attraverso diverse canzoni scritte pensando a mamma Iris, da I Will Follow del 1980 fino a Mofo del 1997. Questa maniera di esorcizzare il trauma attraverso la musica, che gli permetterà di trovare la sua strada nella vita, è stata possibile grazie al fratello maggiore Norman. Fu infatti lui il primo a mettere in mano alla futura rockstar una chitarra, insegnargli gli accordi di brani come Blowin’ in the Wind di Bob Dylan o I Want to Hold Your Hand dei Beatles.

Bono è troppo duro  con se stesso quando presenta Surrender solo come “la storia della mancanza di progresso di un pellegrino. Con una buona dose di divertimento lungo il percorso”. L’autobiografia è il racconto di una vicenda umana in cui l’amore alla fine ha incontrato il modo di trovare la sua strada. Un meraviglioso modo per guardare in faccia “all that you can’t leave behind”.

Written by: Valentina Proietto Scipioni

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%