fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Cinema e TV

Bingewatching, perché?!

today16 Febbraio 2020

Background
share close

Durante la lettura si consiglia l’ascolto del brano: “Private Investigations – Dire Straits”

Perché le serie TV ci tengono incollati allo schermo

Le serie TV sono ormai il tipo di intrattenimento più consumato al giorno d’oggi, come testimoniato dai molteplici servizi di streaming e dalle loro ricchissime offerte in termini di prodotti consumabili.

Ma come mai un fenomeno non certo nuovo, Magnum P.I. piuttosto che Beverly Hills-90210, giusto per fare due nomi, è diventato così preponderante?

Le ragioni sono molteplici: innanzitutto ormai sono state prodotte serie su pressoché qualsiasi argomento (dal poliziesco allo zombie, dai legal drama ai thriller politici, ecc…), pertanto il pubblico potenziale è praticamente illimitato, inoltre negli ultimi quindici anni molti volti noti del mondo del cinema hanno cominciato a prestare il proprio talento per parti importanti, si veda ad esempio Kevin Spacey ed il suo memorabile Frank Underwood in House of Cards, la prima produzione originale Netflix.

A questi due elementi senz’altro importanti se ne collegano due prettamente psicologici: più tempo a disposizione rispetto ad un film vuol dire più tempo per descrivere le sfumature caratteriali dei personaggi, aumentando l’empatia da parte dello spettatore.

La maggior disponibilità temporale permette inoltre una costruzione molto più sofisticata della trama e condiziona lo spettatore spingendolo a speculare sugli sviluppi futuri, portandolo a continuare a guardare lo show per scoprire se le proprie ipotesi si avverino.

E voi siete dei bingewatcher compulsivi?

In che serie siete invorticati al momento?

Written by: Ruggero Roccasecca

Previous post

News

Amazon mette in ginocchio Macy’s

Chiusi 125 negozi nei prossimi tre anni Durante la lettura si consiglia l’ascolto del brano: “Still - Macy Gray” Lo shopping online: croce per i competitors fisici e delizia per i consumatori più pigri. Questa volta, a sentirne fortemente l’impatto penalizzante è il colosso dei grandi magazzini americani Macy’s, che annuncia la chiusura di 125 dei suoi punti vendita, quelli che in seguito ad analisi di mercato verranno definiti i […]

today16 Febbraio 2020

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%