fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

News

Arriva Weart, l’anello in grado di far provare sensazioni a distanza

today8 Gennaio 2019

Background
share close

Weart (Wearable Robotic Technology) è un progetto tutto italiano: si tratta di un anello capace di far provare sensazioni a distanza a colui che lo indossa, nato da un’idea dell’Università di Siena che si occupa di robotica e tecnologie legate a tutto ciò che riguarda il senso del tatto.

Presentato al Ces di Las Vegas, la fiera mondiale per eccellenza di tecnologia e innovazione, l’anello, per far si che realmente possa far percepire il tatto di un’altra persona, tiene conto di 3 fattori: pressione, vibrazione e temperatura.
Ma oltre che immedesimarsi nell’altro e avvertire il medesimo senso, è possibile che questo processo avvenga anche a distanza con un oggetto o un suono: ciò che verrebbe percepito indossando l’anello non sarebbe altro che la sensazione, associata a un film, una musica o ad una realtà virtuale, che viene propriamente ricreata sulla nostra pelle.

Pur non essendo l’unico prodotto del genere in circolazione, si tratta comunque di un traguardo importante per la ricerca italiana: la tecnologia è nata nel SIRSLab (Siena Robotics and Systems Lab), il laboratorio di ricerca dell’Università di Siena, e viene sviluppata in collaborazione con la società e-Novia.

I device che stiamo sviluppando possono essere visti come l’equivalente di microfoni e casse per il senso del tatto. Da un lato permetteranno di registrare le interazioni tattili di un utente mentre esplora o afferra oggetti che lo circondano, in termini di forze, vibrazioni e cambiamenti di temperatura. Dall’altro potranno riprodurre queste sensazioni, realizzando per il senso del tatto quel processo di digitalizzazione che è già avvenuto per la vista e l’udito.

Guido Gioioso, ricercatore SIRSlab

Written by: Giulia Maurizi

Previous post

Apre a Milano Portineria14: un bar che è anche portineria

News

A Milano nasce il bar-portineria

Francesca Laudisi, Federica Torri ed Emanuela Frau, tre ragazze di Milano, hanno messo su un esercizio commerciale molto particolare. Portineria 14 è un bar a tutti gli effetti, ma anche una portineria: si occupa di ritiro pacchi, banco alimentare o reperimento di professionisti. Si trova in zona Ticinese, all'angolo tra via Troilo 14 e via Conchetta, proprio nel cuore di Milano e ha avuto sin da subito un grande successo. Siamo […]

today8 Gennaio 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%