fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

News

Annunciati i vincitori di #FoodForChange Challenge, la sfida lanciata da Slow Food

today25 Gennaio 2019

Background
share close

Chiocciola rossa, un costante impegno nella lotta ai cambiamenti climatici e tanta, tantissima voglia di coinvolgere più persone possibili nella sua causa: sono questi i tratti distintivi della no-profit Slow Food, da sempre impegnata nella valorizzazione del cibo locale, sano e genuino.

Con il proposito di sensibilizzare i consumatori di tutto il mondo, Slow Food ha ideato una challenge, di quelle che tanto fanno sorridere e partecipare gli utenti negli ultimi anni: questa volta niente acqua ghiacciata sulla testa, basta sforzarsi per una settimana di mangiare cibo a chilometro zero, proveniente da piccole realtà contadine, rinunciare simbolicamente alla carne, non sprecare nemmeno una briciola di pane, recuperare tutti gli avanzi e soprattutto coinvolgere più gente possibile in questa #FoodForChange Challenge!

A raccogliere il guanto di sfida sono state più di 5000 chiocciole in tutto il pianeta, ed ora che il tempo è scaduto, sono stati finalmente annunciati i più meritevoli, i vincitori di questa edizione volta a contrastare i cambiamenti climatici a partire da un gesto piccolissimo, ovvero quello di avere più cura di cosa si consuma:

Aziza Sakenova, insegnante del villaggio Tokbai, nel Kyrgyzstan, che ha coinvolto centinaia di piccoli studenti e i loro familiari nella causa; John Kiwagalo, il giovane che è stato in grado di organizzare un vero e proprio evento alla radio ugandese, donando moltissima visibilità a questo messaggio che va ben oltre il gioco; e infine l’italiana Beatrice Montanari, l’attivista dello Slow Food Youth Network che ogni giorno ha pubblicato la foto di un piatto diverso legato alla sfida.

Forse, però, il dato più interessante emerso da #FoodForChallenge non viene dato tanto dalla vasta partecipazione a questa sfida, che pure è un incoraggiante segno di crescita di un generale interesse verso questioni delicate come il cambiamento climatico: ciò che veramente vale la pena mettere in risalto sono i numeri da capogiro rilevati, grazie a Indaco2, a seguito della competizione stessa.
Che ci crediate o no, l’impegno di una settimana da parte di appena 5000 persone qua e là nel mondo, ha portato ad un risparmio di oltre 63 tonnellate di emissioni, la stessa quantità che diffonderebbe nell’ambiente un’automobile percorrendo 175mila chilometri di strada!

Se qualche migliaio di individui è capace di far tanto, che numeri raggiungeremmo, se improvvisamente ci attivassimo tutti e 7 miliardi e mezzo nel compiere questo semplicissimo gesto quotidiano così carico di potere?

Written by: Veronica Di Sero

Previous post

News

È nato sano il bambino operato nell’utero della madre per spina bifida

Ogni intervento chirurgico espone ad un rischio, anche il più semplice ed insignificante, che aumenta esponenzialmente quando ad essere operato è un bambino molto piccolo. Se poi si tratta di un intervento su un feto, ancora nella pancia della madre, che non pesa neanche mezzo chilo, diventa una vera e propria impresa titanica. Ed è proprio un'impresa titanica quella fatta da un equipe composta da diversi specialisti: il professor Massimo […]

today25 Gennaio 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%