fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Cultura

Ancora tu, Lucio Battisti

today9 Settembre 2020

Background
share close

Soundtrack consigliata durante la lettura: “Un’avventura” – Lucio Battisti

L’estate è da poco finita e sarà capitato a tutti, grandi e piccoli, di intonare e strimpellare con la chitarra qualche canzone. Le più gettonate saranno state La canzone del sole e Acqua azzurra, acqua chiara per i più audaci Mi ritorni in mente.

“Emozioni” album musicale di Lucio Battisti

Basterebbero solo le prime note di queste tracce per farvi riportare alla memoria il volto di uno degli uomini che con le sue parole e le sue melodie ha scritto la storia della musica italiana.

Stiamo parlando di Lucio Battisti e non a caso è stata ricordata l’estate. In una torrida serata di agosto del 1964, a Cavezze, sul palco del “Dancing K559” si esibisce un gruppo di ragazzi, i “Campioni”. Alla chitarra un ventunenne riccioluto, appassionato di Bob Dylan e R&B, un po’ spocchioso che sembra non aver voglia di stare lì. Nessuno lo sa, ma da quella serata emergerà il giovane del secolo: Lucio Battisti.

Il cantante ebbe una carriera ricca di contraddizioni e di opposti che si attraggono. Battisti non solo fu uno dei più grandi del Novecento, non solo riuscì a rivoluzionare la musica pop-rock italiana, ma fu anche il simbolo di una generazione figlia della seconda guerra mondiale e del boom economico.

Di lui resterà nella memoria collettiva, chissà per quanti decenni ancora, una discografia straordinaria, immagini in cui quasi ognuno di noi, almeno per una volta, si è riconosciuto e per i più giovani l’attesa infinita di avere i suoi brani su Spotify.

E se davvero tu vuoi vivere una vita luminosa e più fragrante
Cancella col coraggio quella supplica dagli occhi
Troppo spesso la saggezza è solamente la prudenza più stagnante
E quasi sempre dietro la collina il sole

“La collina dei ciliegi” – Lucio Battisti

Oggi è il 9 settembre 2020 e ventidue anni fa moriva Lucio Battisti.

Written by: Francesca Lequaglie

Previous post

whiplash

Cinema e TV

Whiplash: il jazz e la follia della perfezione

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Now's The Time” – Charlie Parker Oggi vogliamo porvi una piccola riflessione su Whiplash, un film diretto da Damien Chazielle, rilasciato nelle sale cinematografiche nel 2014 e vincitore di ben tre Premi Oscar. Il film si presenta come un dramma musicale che tenta di far riflettere sul valore critico della perseveranza nel perseguire degli obiettivi di successo nella vita. Se esiste un confine, dove […]

today8 Settembre 2020

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%