fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

YCB

Amici dell’ambiente

today22 Agosto 2022

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Earth Song” – Michael Jackson

Il nostro Pianeta, purtroppo, è in un periodo di sofferenza. I problemi che affliggono l’ambiente  sono tanti e per uscirne serve necessariamente la collaborazione di tutti. 

Molte persone attribuiscono la colpa unicamente alle grandi industrie, alle politiche non sufficientemente adeguate e a tanto altro, ma la verità è che ognuno di noi, nel suo piccolo, può fare qualcosa

Anche in una scelta banale come quella dei vestiti, infatti, possiamo aiutare l’ambiente e fare la nostra parte. 

Pensate che solo per produrre una maglietta servono 2.700 litri di acqua e consistenti emissioni di CO2, mentre per un paio di jeans sono necessari circa 10.000 litri, utilizzando chiaramente fibre coloranti di sintesi. 

Persino l’ONU, con l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, sollecita la costruzione di nuovi sistemi di produzione a minore impatto ambientale. 

Insomma, a ciascuno di noi spetta il compito di impegnarsi il più possibile per raggiungere questo obiettivo comune, ognuno nelle proprie possibilità: ecco alcuni suggerimenti per riuscirci! 

Per aiutare la natura

Ci sono moltissimi tessuti ecosostenibili di derivazione naturale e soprattutto ottenuti da fonti rinnovabili

Alcuni esempi possono essere il cotone, il lino, la juta, la canapa, la lana e la seta.

L’acetato, il triacetato e la viscosa, invece, sono prodotti artificialmente, partendo, però, dalla cellulosa degli alberi o dagli scarti di altre filiere. 

Un’altra fibra tessile molto particolare è il Cashmere, di origine orientale, che si ottiene dal pelo della Capra hircus

ambiente, young creative blog, voicebookradio.com

Rientra nei tessuti ecosostenibili perché non contiene OGM e soprattutto, per l’estrazione e la lavorazione non sono necessarie sostanze tossiche

Esiste anche un altro materiale, scoperto da poco, che si ottiene dalla polpa di legno degli alberi di eucalipto, chiamato Tancel o Lyocell. Questo tipo di origine rende la fibra cellulosa artificiale più compatibile con l’ambiente e, di conseguenza, meno dannosa. 

Per contro…

Le fibre sintetiche, molto utilizzate nell’industria tessile, sono molto meno favorevoli per l’ambiente. 

Infatti, il nylon, per esempio, viene usato in particolare per la produzione di calzetteria e intimo femminile per via della sua elasticità

Ma non solo: quanti di noi possiedono abiti di poliestere, di acrilico o di Elastam – meglio conosciuto come Lycra – ?

 Sono certa che non siamo in pochi, tuttavia purtroppo questi tessuti hanno un rischio molto alto di dispersione di sostanze chimiche pericolose e con un tasso infimo di biodegradabilità. 

Insomma, non sono proprio l’ideale per dare una mano alla natura in difficoltà. 

Perciò, dal momento che ci è data la possibilità di scegliere, facciamolo responsabilmente, ricordandoci dell’importanza del riciclo, dell’ecosostenibilità e della necessità di essere più green

Perché in fondo, per avere un mondo migliore, basta unire le forze e dare il massimo

Scritto da: Benedetta, 3G

Written by: Aurora Vendittelli

Previous post

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%