fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Cultura

Amazon lancia un nuovo guanto di sfida a Spotify

today16 Aprile 2019

Background
share close

In arrivo un servizio di musica in streaming gratuito

Le mire espansionistiche di Amazon non trovano fine: ad essere giunto al centro dell’attenzione del colosso statunitense diventato grande grazie alla compravendita di articoli e una vera leggenda attraverso l’introduzione di nuovi servizi, è il mondo della musica, come già preannunciato da Amazon Prime Music, gratis per i clienti Prime, e Prime Music Unlimited, che prevede un pagamento mensile.

Bisogna infatti sapere che Amazon ha lanciato una nuova sfida alla rivale Spotify, noto servizio di musica in streaming che – per il momento – rappresenta la potenza egemonica in questo ambito. L’applicazione dall’icona verdenera offre due tipi di abbonamento: quello base, gratuito ma ricco di pubblicità e privo di alcune funzioni, ad esempio la possibilità di ascoltare musica offline, e quello Premium, che in cambio di un pagamento mensile consente di usufruire di tutte le funzioni di Spotify senza interruzioni pubblicitarie.

Sembrava detta l’ultima parola per i miliardi di utenti che ogni giorno ascoltano musica, la condividono e creano playlist, e invece ecco giungere a gamba tesa alcune indiscrezioni provenienti dai piani alti Amazon, secondo le quali l’azienda intenderebbe creare al più presto un servizio altrettanto performante, ma a titolo gratuito.

Il debutto è previsto già nei prossimi giorni, e verrà proposto attraverso il proprio ecosistema di smart speaker Echo, sebbene sarà necessario che il gigante americano paghi alcune etichette discografiche, prima di poter vantare di un catalogo che possa sperare di reggere il confronto con Spotify.

Amazon vs Spotify: chi vincerà la sfida del tempo?

Written by: Veronica Di Sero

Previous post

News

Stampato in 3D un cuore artificiale

Con le chilometriche liste di attesa di persone bisognose di trapianti che non accennano a diminuire, si rivela sempre più necessario progredire nel già fecondo ambito del bioprinting di tessuti, cellule e interi organi artificiali a partire da campioni prelevati dai pazienti, dal biogel e dalle staminali. A questo proposito, si è da poco assistito ad una vera e propria svolta nell’Università di Tel Aviv, un balzo in avanti nel […]

today16 Aprile 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%